Palm, perdite al di sotto delle previsioni

di |
logomacitynet696wide

Palm chiude il trimestre con un’ampia perdita nel bilancio, ma il buco è al di sotto delle previsioni degli analisti. Confermati i nuovi nomi che accompagneranno le varie linee di prodotto.

Palm ha chiuso lo scorso trimestre fiscale con perdite di 258,7 milioni di dollari su un fatturato di 172,3 milioni di dollari.

Il dato è significativamente peggiore di quello fatto segnare nello stesso periodo dello scorso anno quando Palm realizzò un fatturato 214,3 milioni di dollari con perdite di appena 32,4 milioni di dollari.

Nonostante questo il dato di bilancio è comunque migliore di quello che avevano previsto diversi analisti, visto che esclusi i costi di ristrutturazione le perdite si assestano a 36,4 milioni di dollari, ovvero 6 centesimi per azione. La maggior parte degli esperti pensavano che Palm non sarebbe riuscita a restare al di sotto di un rosso di 8 centesimi per azione.

Le ragioni della perdurante crisi, è stato sottolineato nel corso della conferenza stampa di presentazione dei risultati fiscali, è nella debolezza generalizzata del mercato informatico che colpisce anche i PDA. Una debolezza che continuerà  anche nei prossimi mesi, ha detto il CEO Eric Benhamou ma che Palm combatterà  con una serie di nuovi prodotti che dovrebbero permettere un sensibile miglioramento al bilancio. Palm, infatti, pensa di arrivare al pareggio nel trimestre in corso aumentando il fatturato fino a 265 milioni di dollari. Ma per vedere una crescita significativa si dovrà  attendere il 2003.

Palm nel trimestre ha venduto 819.000 unità  dei suoi computer da tasca meno degli 891.000 del precedente quarto ma più dei 719.000 dello stesso trimestre dell’€™anno passato, ma molto lontano dagli 1.5 milioni del 2000. Attualmente in commercio ci sono 24 milioni di PDA che utilizzano Palm OS di cui 19 milioni sono Palm.

Intanto ieri Palm ha anche confermato di avere messo in cantiere un nuovo sistema per la denominazione dei suoi prodotti. Come anticipato da diversi siti, i modelli e i prodotti (anche software) destinati al mercato consumer avranno la denominazione Zire; quelli per il mercato business saranno accompagnati dal nome Tungsten. Non scompariranno però né il marchio Palm e neppure i numeri che oggi distinguono ciascuno dei vari modelli in commercio.