Per battere iPod Microsoft punta sul wireless

di |
logomacitynet696wide

Microsoft sempre più vicina al rilascio del suo iPod. Connessione wireless e un clone di iTunes per scalzare il player di Apple. La missione speciale affidata a due veterani della Xbox.

Il player con cui Microsoft cercherà  di scalzare iPod punterà  tutto sul wireless. La capacità  di collegarsi alle reti Wifi per scaricare musica anche senza l’uso di un computer viene indicata come l’elemento distintivo da Bllomberg, in un articolo pubblicato ieri sera.

Secondo il giornale finanziario diverse case di produzione discografica e alcuni network Tv avrebbero assistito ad una dimostrazione del dispositivo; secondo le loro testimonianze Microsoft starebbe pianificando, oltre alla funzione wireless, anche l’uso di uno schermo di qualità  migliore di quello dell’iPod. Non mancherà  neppure una nuova applicazione simile ad iTunes.

Le case di produzione e le case discografiche sarebbero molto interessate al nuovo prodotto perché sperano che possa mettere in difficoltà  Apple e allentare la mossa quasi monopolistica sul settore che concede loro uno scarso spazio di manovra nelle trattative.

Da parte sua Redmond sta impegnando importanti risorse umane oltre che tecnologiche. Al comando dell’impresa di costruire il dispositivo che sfiderà  iPod si trovano due veterani della Xbox, l’esperimento di maggior successo per Microsoft nell’ambito hardware, ovvero Robbie Batch e J Allard. Le trattative con le case discografiche sono condotte da Chris Stephenson, un manager molto esperto nel settore musicale.

Microsoft è stata quasi costretta a scendere in campo nella produzione di un lettore di musica digitale. Il compito di contrastare Apple al momento è affidato ai partner che fiancheggiano la casa delle Finestre supportando lo standard Windows Media ma, come sottolinea Michael Gartenberg di Jupiter Research “nessuno di essi è in grado di svolgere il compito come si dovrebbe”.

L’iPod di Microsoft dovrebbe essere rilasciato in tempo per la stagione dei regali di Natale, tradizionalmente la più ricca per i prodotti consumer.