Primo spot con Bill Gates e Jerry Seinfeld

di |
logomacitynet696wide

Va in onda il primo spot con Bill Gates e Jerry Seinfeld. Il fondatore di Microsoft in un negozio per comprare scarpe viene assistito dal comico. Scarsi i riferimenti ai computer, umorismo e taglio si scostano radicalmente da quelli di Mac e PC.

àˆ andato in onda ieri sera negli Usa il primo spot Microsoft con protagonisti Jerry Seinfeld e Bill Gates. La pubblicità , parte di una grande campagna che costerà  300 milioni di dollari (di cui 10 sarebbero finiti in tasca allo stesso Seinfeld), si incentra sullo stesso Gates, scorto da Seinfeld in un negozio di scarpe “superscontate” in un negozio commerciale.

Seinfeld si affianca al venditore per dare consigli nell’acquisto del modello “Conquistador”, mentre alcune famiglie dall’esterno assistono al processo di scelta delle scarpe mostrando di riconoscere il tipo di scarpe ma non il cliente che le compra.

Lo spot, che dovrebbe contribuire a dare una spinta all’immagine di Microsoft e di Vista contrastando la serie “Mac e PC” che Apple usa spesso per colpire la rivale, non ha nulla a che fare per ritmo e filosofia con le pubblicità  di Cupertino. Il taglio cinematografico (simile a quello degli spot con persone “vere” tanto sulla cresta dell’onda con immagini sporche), il montaggio e la durata, lo collocano su un piano diverso. Anche lo spirito ironico che lo pervade, in stile Seinfeld e come tale non famigliare a tutti, è molto meno diretto, anche se non manca qualche dettaglio gustoso, come ad esempio Gates che ha la tessera punti del negozio sulla quale c’è appiccicata una foto del fondatore di Microsoft in età  post-adolescenziale

L’immagine è quella famosissima scattata dalla polizia di Albuquerque in Nuovo Messico, quando il futuro uomo più ricco del mondo passò un semaforo con il rosso e guidava senza patente. La foto che Gates mostra al commesso però è stata ritoccata e non si vede il cartello che negli Usa viene appeso al collo per identificare l’arrestato.

Altro aspetto caratterizzante è la quasi totale assenza di riferimenti a Windows, Vista o Microsoft e persino al mondo dei computer. Solo nella parte finale Seinfeld chiede a Gates se nella sua esperienza in Microsoft non ha mai pensato di fare i computer soffici e gustosi al palato come le torte così che si possano mangiare mentre si lavora. Gates invitato a dare un segno più che una risposta verbale agita, moderatamente, il bacino. Subito dopo appare un logo di Windows e la scritta “Futuro delizioso”.

Ricordiamo che molti osservatori hanno manifestato qualche perplessità  sia sulla scelta di Jerry Seinfeld, un personaggio famosissimo un tempo e ancora sulla cresta dell’onda nonostante si limiti a qualche apparizione in TV ma che non sembra il più adatto per appellarsi alle fasce giovanili, sia per il fatto che Seinfeld è stato notoriamente un utilizzatore di computer al punto che Cupertino l’ha usato nel suo spot “Think Different”.

Qui sotto lo spot