Provaci ancora Larry

di |
logomacitynet696wide

Stretto nella morsa del fallimento dei network computer Ellison trova uno sbocco per il suo NIC, una delle pochissime Internet Appliances ancora in commercio. Sarà  il navigatore “ufficiale” per Prodigy. L’ultima spiaggia per un sogno che non è fino ad oggi divenuto realtà ?

Larry Ellison lotta con le unghie e con i denti per tenere in vita NIC, il network computer che tanto ha voluto al punto da creare una società  apposita per la sua produzione.
Nonostante i rovesci del mercato e la fine, di fatto, dei navigatori Internet, che poco di buono lasciano presagire per NIC, Ellison non si rassegna e secondo alcune indiscrezioni attendibili si giocherebbe un’altra carta per cercare di “popolarizzare”, o anche semplicemente tenere in vita, il suo sogno. L’occasione gli viene offerta da Prodigy, una società  concorrente di AOL che diffonderebbe NIC, basato su Linux, come sua macchina di riferimento per la navigazione nei suoi servizi. Un computer, dotato dei servizi minimali per l’accesso alla rete, verrebbe venduto ai clienti ad un prezzo d’ingresso di 199$.
Se il contratto dovesse fruttare un incremento di vendite si tratterebbe di una boccata d’ossigeno per NIC che fino ad oggi ha operato essenzialmente nel settore didattico e nell’ambito delle catene alberghiere.
C/Net, che riporta la notizia dell’accordo, ricorda la serie di Net Appliances nate e defunte: Connected Touch Pad di Gateway sviluppato in collaborazione con America Online, eVilla di Sony, soppresso solo due mesi dopo il suo debutto; anche Netpliance e 3Com hanno smesso di vendere prodotti similari. Per ora sopravvive il solo iPaq Home Internet Appliance, di Compaq che viene venduto a 299$ e funziona in combinazione con MSN Network.
Ricordiamo che Larry Ellison, uno degli uomini più potenti dell’informatica, acerrimo nemico di Bill Gates e proprietario della onnipresente Oracle, divenne improvvisamente famoso presso gli utenti Mac quando, con Apple in piena crisi, annunciò ai quattro venti di essere interessato al suo acquisto per farne una società  che avrebbe prodotto, guarda un po’, Network Computer. Ellison, grande amico di Jobs, successivamente entrò a fare parte del consiglio di amministrazione di Apple di cui ancora oggi è uno dei membri