Scontrino self service e Voice over Wi-Fi negli AppleStore mini

di |
logomacitynet696wide

Per le ridotte dimensioni i nuovi AppleStore mini aperti negli USA si servono di un innovativo sistema di pagamento e altrettanto innovativo è il sistema di comunicazione interna tra i commessi che sposa VoIP e Wi-Fi.

Sono così piccoli i mini negozi di Apple che hanno dovuto eliminare il cassiere.
Pur tuttavia bisogna pagare in ogni caso per la merce acquistata: i clienti devono fare tutto da soli, con una carta di credito grazie al sistema self service in un AppleStore mini.

Il dettaglio del sistema si può apprezzare nelle foto gentilmente concesse da Bryan Chang, che era presente all’inaugurazione del negozio di Oakridge e a Thomas Musante, che era testimone assieme a Steve Jobs all’inaugurazione del secondo negozio di Palo Alto, a Stanford.

Il giorno dell’inaugurazione il sistema self service non è stato attivato e per la gran quantità  di visitatori entusiasti e per la gran quantità  di commessi presenti in modo massiccio nei mini negozi, ma nei giorni successivi dovrebbe entrare regolarmente in servizio.

In pratica ogni cliente si avvicina a questa parete d’acciaio (che cela un banco con tastiera) con la merce raccolta nel negozio e si appresta a far leggere i codici a barre presenti sulle scatole al lettore ottico a sinistra del display, terminata la sequenza il totale sarà  pagato inserendo nell’apposita fessuta (sotto al display LCD più grande, ma presente nelle foto scattate a Stanford, a sinistra, e non in quelle di Oakridge, a destra, chissà  perché?) la carta di credito, la ricevuta che esce dalla fessura a destra del display dovrà  poi essere firmata con la penna che Apple fornisce e che è incastrata a sinistra del piccolo LCD.

Si tratta di una novità  rispetto agli AppleStore “full size” ma non è detto che se l’esperimento (se di questo si tratta per Cupertino) funzioni, i cassieri degli altri novanta negozi debbano cominciare a preoccuparsi di trovare un altro impiego a breve.

Un’altra tecnologia non esplicitamente annunciata da Apple è quella che permette a tutti i dipendenti dei mini negozi di comunicare in modalità  Wi-Fi: Vocera Communications, azienda con sede a Cupertino.

Ogni commesso è dotato di un dispositivo wireless (una specie di badge da 57 grammi) che si appoggia alla rete locale fornita dall’AirPort del negozio e che permette di effettuare comunicazioni a voce, messaggi di testo o chiamate su pager (ancora molto in voga in America del nord), all’interno del negozio e tra tutti gli AppleStore grazie al network che li collega. Tutto tramite semplici comandi vocali.

La necessità  di integrare questo sistema nasce dal fatto che gli AppleStore mini non hanno grossi magazzini e potrebbe essere che un prodotto richiesto da un cliente non sia fisicamente disponibile, in questo caso l’impiegato chiede ai più vicini AppleStore (tipicamente negozi di dimensioni normali e con magazzino fornito) se la merce è presente presso di loro.

Pare che gli uomini di Cupertino non abbiano dovuto fare molta strada per prendere l’ispirazione riguardo all’adozione del sistema di Vocera Communications, esso infatti sarebbe d’uso comune presso un ristorante a meno di 50 metri dalla sede centrale di One Infinite Loop, il BJ’s Restaurant & Brewery (illustrato qui sotto, forse familiare a tutti quelli che sono andati almeno una volta a visitare Apple, perché ci si deve passare davanti su Mariani Avenue), dove ogni cameriere, cassiere, cuoco o magazziniere ne indossa uno durante le ore di lavoro.

Le soluzioni di Vocera sembrano ottime anche per altri ambienti, come per esempio ospedali, presso quello di El Camino a Mountain View in California, già  le stanno testando con successo, lo stesso accade all’Civil Aviation Authority australiana.

Il Wearable Voice Communications System di Vocera è supportata anche da Colubris Networks, quale partner certificato che assicura su un’unica base station Colubris la qualità  del servizio su reti 802.11b fino a 16 indipendenti WLAN.

ABI Research pronostica per il 2009 un mercato superiore ai 50 milioni di esemplari per il mercato della telefonia over IP, o meglio over Wi-Fi.