iPhone 3G porta guai a chi non sta dalla sua parte

di |
logomacitynet696wide

L’iPhone 3G secondo BusinessWeek è destinato a portare guai per tutti coloro che non stanno dalla sua parte: produttori di cellulari e gestori di telefonia mobile costretti a correre ai ripari per frenare le strategie di Apple.

Se non un terremoto catastrofico, certo un scossa piuttosto violenta, capace di modificare gli assetti non solo per i produttori di telefoni cellulari ma anche degli operatori mobili. Ecco l’€™effetto che, secondo un articolo di Businessweek, sarebbe in grado di produrre iPhone sul mercato.

Il telefono della Mela, si legge nell’€™articolo della rispettata rivista finanziaria, con le nuove strategie di ribasso del prezzo di acquisto ora finanziato con un sussidio e l’€™aggiunta di nuove funzioni, potrebbe sconvolgere nuovamente l’€™intero scenario spingendo i carrier ad aumentare i sussidi, spendere di più in marketing, ridurre i prezzi su alcuni servizi.

In primo luogo At&T con il sussidio ad iPhone potrebbe costringere le concorrenti ad aumentare parimenti i loro sussidi sui terminali che vogliono copiare iPhone, questo per convincerli a non passare al cellulare della Mela e, quindi, ai servizi di At&T. Per raggiunger l’€™obbiettivo di pareggiare la visibilità  del telefono di Apple dovranno investire molti soldi in marketing o, in alternativa, ridurre il prezzo dei loro servizi.

I costruttori di telefoni avranno anch’€™essi la loro parte: da un lato dovranno subire le pressioni degli operatori mobili che chiederanno sconti per assorbire parzialmente i costi della sovvenzione, dall’€™altra parte dovranno spendere di più per costruire dispositivi che si avvicinano ad iPhone. Guai potrebbero giungere anche dall’€™erosione delle quote di mercato.

Tutto questo avverrà  in uno scenario dove i clienti diffideranno degli imitatori di iPhone e, come per iPod, vorranno acquistare l’€™originale non curandosi troppo dei cloni.