10 trucchi per comporre fotografie su smartphone come un professionista

La composizione è l'anima della fotografia e basta un semplice smartphone per potersi esercitare e provare le più interessanti o le più conosciute tecniche compositive. Macitynet ne ha raccolte 10 per suggerirvi come comporre meglio i vostri scatti da smartphone

Esistono decine di guide su quali applicazioni usare per fotografare, per modificare le immagini o per sfruttare le funzioni della fotocamera ma noi vogliamo offrirvi semplicemente dieci suggerimenti su come comporre le immagini nei vostri scatti.

La composizione è forse l’aspetto più importante dell’espressione fotografica ed è l’unica che dipende in maniera diretta e immediata dalle decisioni e dalla capacità di “vedere” gli scatti delle persone. Nessuna applicazione può insegnarvi a comporre uno scatto; solo l’esperienza, l’esercizio, l’osservazione e il tempo potranno aiutarvi a migliorare la composizione delle vostre immagini.

Con un semplice smartphone e seguendo alcuni suggerimenti in termini di composizione è possibile ottenere risultati molto interessanti. Qui di seguito ne abbiamo raccolti solo 10, che riteniamo fra i più interessanti. Ricordatevi però che l’esercizio e le dedizione sono parte integrante ed indispensabile per riuscire a migliorare nelle vostre immagini. Ormai avete tutti uno smartphone in tasca, quindi niente scuse: impugnatelo e preparatevi a scattare.

1. Fate in modo che il soggetto dell’immagine sia chiaro

Una delle prime regole da seguire quando si decide di scattare una fotografia, forse la regola cardine che fa da sfondo all’intera discussione sulla composizione, è quella di mettere in evidenza il soggetto. Sembra una banalità ma non è raro osservare immagini dove sì, sono presenti diversi elementi, ma non è ben chiaro quale sia il soggetto reale dell’immagine, quello su cui il fotografo voleva concentrare la sua attenzione. Un buona foto sa raccontarsi da sola.

In questo scatto non si capisce quale sia il soggetto dell'immagine... l'albero e i suoi rami? il cielo? gli edifici?
In questo scatto non si capisce quale sia il soggetto dell’immagine… l’albero e i suoi rami? il cielo? gli edifici?

Come in ogni racconto, film o commedia, anche in fotografia deve esserci un protagonista: l’ideale quindi sarebbe fermarsi per qualche secondo prima dello scatto, scegliere quello che sarà il soggetto principale, il protagonista della vostra immagine (non è detto che debba essere l’unico soggetto) e sfruttare alcune tecniche per rendere tale scelta evidente a qualunque osservatore.

In questo caso il soggetto, la tazzina del caffè, è ben evidente
In questo caso il soggetto, la tazzina del caffè, è ben evidente

2. Applicate la Regola dei terzi

La regola dei terzi è una delle più conosciute e una delle prime tecniche di composizione che si insegnano nei corsi di fotografia. Consiste nel dividere il fotogramma dell’immagine con due linee orizzontali e due verticali in tre porzioni uguali, così da ottenere nove riquadri di identica area.

Il classico riquadro che illustra i punti caldi della regola dei terzi
Il classico riquadro che illustra i punti caldi della regola dei terzi

A questo punto potete piazzare nell’immagine il vostro soggetto in corrispondenza di uno (o più di uno) dei quattro punti di intersezione delle quattro linee. L’immagine sarà così più dinamica e in molte occasioni consentirà di mettere in maggior evidenza il soggetto rispetto ad un posizionamento al centro del fotogramma.

Regola dei terzi applicata alla lettera, con focus sulla balla di fieno
Regola dei terzi applicata alla lettera, con focus sulla balla di fieno
Nuovamente la regola dei terzi, applicata sulla statua della sirenetta
Nuovamente la regola dei terzi, applicata sulla statua della sirenetta

3. Sfruttate diagonali, linee guida e prospettiva

All’interno di tantissime fotografie è presente un numero elevato di diagonali o linee guida, create dalla prospettiva o da un posizionamento specifico dei soggetti all’interno del fotogramma. Gli occhi sono naturalmente attirati dalla prospettiva e dai punti di fuga ed un espediente molto efficace è quello di sfruttare queste linee prospettiche per guidare lo sguardo dell’osservatore verso quello che dovrebbe essere il nostro soggetto.

Le varie linee sul prato, i profili delle nuvole, la prospettiva e la linea dell'orizzonte guidano lo sguardo verso l'albero sullo sfondo
Le varie linee sul prato, i profili delle nuvole, la prospettiva e la linea dell’orizzonte guidano lo sguardo verso l’albero sullo sfondo

In molti casi basterà spostarsi per allineare i soggetti, dirigendo lo sguardo verso il protagonista dello scatto, mantenendo armonia compositiva e veicolando con maggior facilità il messaggio che vogliamo comunicare attraverso l’immagine. In particolare da smartphone le focali degli obiettivi sono tendenzialmente tendenti ai grandangoli e sarà più facile ottenere prospettive più accentuate per scatti di questo tipo.

Le linee diagonali dei tetti dividono e tagliano l'immagine dall'alto verso il basso
Le linee diagonali dei tetti dividono e tagliano l’immagine dall’alto verso il basso