fbpx
Home Macity Voci dalla Rete Adobe: "Potremmo lasciare il mercato cinese"

Adobe: “Potremmo lasciare il mercato cinese”

Il dilagare della pirateria informatica potrebbe spingere Adobe ad abbandonare i mercati dell’Asia e in particolare a sospendere la localizzazione dei suoi prodotti in cinese.
La minaccia arriva direttamente da Bruce Chitzen CEO della società  californiana nel corso di una intervista al giornale cinese di lingua inglese South China Morning Post. “La decisione è fondata su una semplice constatazione – ha detto Chitzen – ci costa 750.000 dollari localizzare un’applicazione in cinese. Se ne ricaviamo solo 500.000 non ha alcun senso continuare su questa strada”. La responsabilità  dei bassi profitti sarebbe determinata proprio dall’altissimo tasso di pirateria informatica che taglia drasticamente i profitti.
“Fino a che il governo cinese e i cinesi non capiscono che copiare il software produce danni a loro stessi è difficile per noi continuare a pianficare simili investimenti”. Il riferimento al governo cinese è d’obbligo in quanto pare che anche molte società  possedute al 100% dall’amministrazione statale di Pechino utilizzano software pirata.
Secondo alcune indagini in Cina circa il 94% del software in circolazione è frutto di copie illegali.

Offerte Speciali

MacBook Pro M1 pronta spedizione su Amazon

Risparmiate più di 200€ sul MacBook Pro M1: solo 1499 euro

Su Amazon per la prima volta va in sconto il MacBook Pro M1. Risparmiate 110 euro sul listino
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,909FansMi piace
93,611FollowerSegui