HomeMacityVoci dalla ReteAnno 2000, la rivoluzione

Anno 2000, la rivoluzione

Se qualcun avesse avuto ancora qualche dubbio sul fatto che nel mondo Mac è in atto una vera e propria rivoluzione nel settore delle schede di accelerazione dovrebbe leggersi un articolo pubblicato oggi da C/Net.Partendo dalla ormai arcinota notizia della compatibilità  a livello nativo con l’hardware Apple del chip di Nvidia GeForce2 MX il sito intervista tutti i principali protagonisti del settore, ATI, 3dfx e la stessa Nvidia traendone un quadro finale che delinea in maniera piuttosto precisa un quadro rivoluzionario che contempla, in primo luogo, un fattore sconosciuto per il nostro mercato: nel settore dei chip grafici, anche per Mac, è ora la competizione tra prodotti a dominare la scena.Una delle dichiarazioni più interessanti per comprendere quanto l’attuale situazione in cui è solo ATI a fornire i chip, giunge proprio dal commento di Deanna Perinks, responsabile del settore Mac di ATI secondo cui “nonostante si possa pensare il contrario la nostra società  non ha mai avuto un accordo di esclusiva con Apple. Abbiamo conquistato tutti i contratti sulla base della competizione”. Se così fosse significherebbe che Apple prima come ora avrebbe la libertà  di scegliere non solo le schede che meglio crede per i suoi computer ma anche di includere liberamente altri chip sulle sue schede madre. E se questo fino a qualche tempo fa era, di fatto, impossibile visto che nessuno oltre a ATI si era fatto avanti per supportare il mercato Mac, oggi proprio con il rilascio della GeForce2 MX diventa una concretissima possibilità .Il processore di Nvidia, come già  più volte descritto da queste pagine, non appare adatto ad essere utilizzato su schede aggiuntive ad alte prestazioni (per questo uso Nvidia propone il GeForce 2 GT) ma è destinato a macchine che si collocano in una fascia intermedia e che vogliono avere un processore di buone prestazioni (è del 33% più veloce di un ATI Rage 128) ad un prezzo ridotto e con consumi ridotti. àˆ, insomma, il processore ideale per una macchina come iMac o, nella sua versione a 2 WATT di consumo, per iBook e PowerBook.La convinzione che il processore di Nvidia sia stato pensato, forse anche con la collaborazione diretta di Apple, per essere collocato direttamente sulla scheda di una futura macchina di Apple si fa largo anche tra gli analisti come Dean McCarron di Mercury Research secondo cui “Il fatto che Nvidia non sia legata specificatamente ad un produttore di schede ma che possa vendere i suoi chip a chiunque, non solo lascia campo libero a molti produttori per la commercializzazione di board per il mondo Mac ma anche all’ipotesi che Apple possa utilizzarla per disegnare schede madri proprietarie con il chip”. Nvidia, al proposito, non lascia trapelare alcun dettaglio ma conferma che “appena entreremo nel mondo Mac con un nostro prodotto, lo faremo in grande stile”.Ma tra ATI e Nvidia c’è anche un terzo incomodo che porta il non trascurabile nome di 3dfx. Fin dallo scorso MacWorld Expo di San Francisco i produttori di Voodoo hanno confermato di essere al lavoro per rilasciare una versione per Mac delle sue Voodoo 5 e Voodoo 4. La presentazione dei prodotti è vicina e Bian Speece, sempre a C/Net, rilascia una nuova dichiarazione che completa decisamente il quadro. “Nvidia entra nel mercato con un chip di fascia media – dice Speece – noi portiamo i nostri prodotti migliori. Abbiamo avuto colloqui con Apple sui nostri progetti per il mondo Mac e abbiamo discusso dell’ipotesi che le nostre schede possano essere vendute in opzione a quelle standard. Vogliamo che esse siano disponibili al maggior numero possibile di utenti”. Anche in questo caso, cercando di leggere tra le righe, pare di cogliere una conferma all’ ipotesi, sorta qualche tempo fa, che Apple possa vendere in build to order a scelta dell’utente le schede ATI o le 3dfx. La richiesta era stata avanzata dalla stessa 3dfx che affermava che l’unico modo per incentivare la produzione di acceleratori 3D di marche diverse era solo quello di liberare la concorrenza anche in questo settore.Insomma, come accennato poco più sopra, il quadro che sembra delinearsi è proprio quello della concorrenza su tutti i fronti. Nel settore delle schede madri oltre ad ATI potrebbe ben presto esserci un nuovo concorrente, ovvero Nvidia. Chip GeForce 2 MX potrebbero finire nelle macchine di fascia bassa e nei portatili, tesi supportata anche dalla considerazione che appare davvero difficile che un protagonista del mercato rilasci un chip per Mac senza avere avuto garanzie da Apple. La competizione, sembra di capire, si estenderà  anche nel settore delle schede aggiuntive per macchine desktop. Qui Apple potrebbe decidere di fornire come “standard” le Ati ma anche di consentire la scelta di montare le 3dfx oppure, se arriveranno, le GeForce2 GT, se ne arriveranno da terze parti.A beneficiare di tutto ciò dovrebbero essere, alla fine, gli utenti. Al momento la situazione dell’accelerazione 3D nel mondo Mac è pesantemente deficitaria rispetto a quella dell’universo PC proprio per la mancanza di una vera e propria competizione e per il fatto che ATI, l’unico fornitore, ha da tempo perso il primato nel settore della velocità . Un quadro che dovrebbe modificarsi anche se, pare di capire, non a breve termine. Nvidia sostiene infatti di essere ancora abbastanza distante dall’annunciare l’entrata ufficiale nel mondo Mac. Il che significa che al MacWorld Expo non dovremmo assistere ad alcun annuncio in proposito. Ma le sorprese non si possono escludere.

Offerte Speciali

Amazon sconta il Magic Mouse 2 del 25%: solo 64 euro

Post Prime Day: Magic Mouse 2 ancora disponibile a solo 60,99 €

Su Amazon il Magic Mouse 2 è ancora disponibile in sconto. Lo pagate solo 60,99 euro fino a che le scorte resistono.
Articolo precedenteMacinRete senza fili
Articolo successivoDues Ex al MacWorld Expo
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità

iGuida

FAQ e Tutorial