Sto caricando altre schede...

Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Macity - Apple » Mondo iOS » iPhone » Apple Pay fa pace con l’UE con una promessa decennale

Apple Pay fa pace con l’UE con una promessa decennale

Pubblicità

Secondo un recente rapporto, l’indagine antitrust pluriennale in UE sul sistema di pagamenti Apple Pay è vicina alla conclusione: sebbene ci siano ancora discussioni in corso su alcuni dettagli, l’Unione Europea sembra pronta ad accettare le ultime modifiche proposte da Apple. Questa vicenda, dunque, potrebbe avere un epilogo differente rispetto alla vicenda App Store.

Quando Apple Pay è stato lanciato, il sistema si basava su un chip NFC presente nell’iPhone che supportava i pagamenti contactless. L’accesso a questo chip era consentito solo tramite l’app Wallet di Apple, il che significava che le banche e le società finanziarie che volevano supportare Apple Pay dovevano farlo attraverso l’app di Apple, cedendo una piccola parte delle commissioni di transazione ad Apple.

Le origini della vicenda

Questo sistema ha portato a lamentele da più parti, con accuse verso Apple di aver messo in piedi un sistema anticoncorrenziale in diversi paesi del mondo, con l’Unione Europea che ha avviato un’indagine antitrust nel 2019.

Apple Pay fa pace con l’UE con una promessa decennale

 

La pressione è andata via via aumentando, quando nel 2020 la pandemia ha visto un aumento significativo dei pagamenti contactless, con Apple Pay che ha raggiunto quasi il 10% di tutte le transazioni. Si tratta della stessa percentuale che avrebbe potuto essere applicata come sanzione, nel caso in cui l’UE avesse ravvisato un comportamento anti concorrenziale di Apple. La sanzione, infatti, ricordiamo può arrivare al 10% del fatturato globale della società multata.

Nel 2022, l’UE ha annunciato una valutazione preliminare secondo cui Apple veniva ritenuta effettivamente colpevole di violazioni antitrust per aver limitato l’accesso al chip NFC di iPhone. L’anno successivo, Apple ha accettato di aprire il sistema alle app di banche e società di carte di credito e debito. Da allora, le parti hanno lavorato sui dettagli.

Il caso Apple Pay in UE è (quasi) chiuso

Il Financial Times riporta che le due parti stanno rapidamente addivenendo a un accordo. Diverse fonti vicine alla questione hanno affermato che i regolatori hanno accettato le misure che Apple si era impegnata a adottare a gennaio di quest’anno.

Apple Pay fa pace con l’UE con una promessa decennale

Queste misure includono fornire agli sviluppatori l’accesso gratuito alla tecnologia NFC sui dispositivi iOS senza dover utilizzare Apple Pay o Apple Wallet. I funzionari di Bruxelles hanno testato queste misure, valutando anche il fatto che Apple abbia deciso di mantenerle in vigore per un decennio.

Al momento Apple ha rifiutato di commentare specificamente la notizia, ma ha ricordato una precedente dichiarazione in cui affermava di essersi impegnata a offrire “misure per fornire agli sviluppatori di terze parti nell’Area Economica Europea un’opzione che permetterà ai loro utenti di effettuare pagamenti contactless NFC all’interno delle loro app iOS, separatamente da Apple Pay e Apple Wallet”.


Tutti gli articoli dedicati a Finanza e Mercato sono disponibili a partire dai rispettivi collegamenti.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Risparmio da 300€ per MacBook Air M2, solo 975 euro

Amazon sconta sullo sconto Apple per il MacBook Air M2 da 256 GB: lo pagate solo 975 euro. 300 meno del prezzo di ufficiale con uno sconto del 19%
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità