HomeMacityInternetApple Edge Cache, la Mela vuole velocizzare i download insieme ai provider

Apple Edge Cache, la Mela vuole velocizzare i download insieme ai provider

“Apple Edge Cache” è il nome di un nuovo servizio che permetterebbe di ottenere migliori funzionalità di content delivery sfruttando partnership con gli Internet Service Provider (ISP). La Casa di Cupertino vuole sfruttare esistenti reti e server degli ISP per offrire dati più vicino possibile agli utenti. Questo significa che i contenuti possono essere pre-memorizzati nella cache di un server della rete dell’ISP quando sono visualizzati dall’utente,  distibuiti ad altri più velocemente essendo memorizzati in un server locale.

Appleinsider cita un esempio: noi e il nostro vicino guardiamo lo stesso film in un lasso di tempo breve l’uno dall’altro. Normalmente tutti e due dobbiamo agganciare il server Apple più vicino e ottenere il contenuto tramite le reti per la consegna dei contenuti (CDN, Content Delivery Network) che consentono di erogare agli utenti finali servizi di streaming audio e video. Sfruttando questa modalità, i dati devono goni volta passare attraverso un server dell’ISP prima di raggiungere l’utente. Con la tecnologia di edge caching, invece, l’ISP può conservare i dati relativi ai contenuti in streaming in suoi server e offrirli all’utente o chiunque è collegato allo stesso server, più e più volte, senza agganciare di nuovo i server Apple.

Apple Edge Cache, la Mela vuole aumentare la velocità di download dei contenuti

L’Edge Cache, in altre parole, permette di distribuire contenuti più velocemente, riducendo il passaggio tra le varie infrastrutture internet, riducendo potenziali problemi e la necessità del reinstradamento verso specifici nodi terminali di rete, diminuendo la latenza, con ovvi benefici per l’ISP e l’utente. Altre aziende come Netflix e Amazon già sfruttano simili sistemi per la distribuzione dei contenuti.

Al momento il sistema Apple Edge Cache per gli ISP è su invito e questi ultimi possono effettuare la richiesta compilando un modulo su un portale dedicato. Tra i requisiti: il supporto di almeno 25Gbps di traffico Apple durante le fasi di picco; la rete deve inoltre operare per servire primariamente gli utenti finali anziché le esigenze dell’operatore di rete stesso.

Offerte Speciali

Amazon sconta il Magic Mouse 2 del 25%: solo 64 euro

Prime Day: Magic Mouse 2 ancora disponibile a solo 59,99 €

Su Amazon il Magic Mouse 2 è ancora disponibile in sconto. Lo pagate solo 59,99 euro fino a che le scorte perdurano...
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità

iGuida

FAQ e Tutorial