Apple ha pagato 120 miliardi di dollari agli sviluppatori di App Store

In 11 anni di carriera, App Store ha permesso ad Apple di distribuire circa 120 miliardi di dollari agli sviluppatori. Agli europei 25 miliardi di questa fetta, in calo rispetto agli anni precedenti

Con App Store, Apple ha distribuito 120 miliardi di dollari agli sviluppatori

In 11 anni di onorata carriera, App Store ha permesso ad Apple di distribuire circa 120 miliardi di dollari agli sviluppatori, con 25 miliardi di questa fetta spartita ai soli sviluppatori europei.

E’ il vice presidente di Apple Music, Oliver Schusser, a rivelare le cifre di questi versamenti. Lo ha fatto tramite una intervista rilasciata al sito tedesco Macerkopf, evidenziando anche dettagli sulle future ambizioni della società, sia con riferimento ad App Store, che ad altri vari servizi.

Schusser ha dichiarato che i servizi della società, che comprendono i contenuti degli store Apple, Apple Pay e iCloud, puntano a un fatturato di 40 miliardi di dollari in vendite annuali.
Con App Store, Apple ha distribuito 120 miliardi di dollari agli sviluppatoriI dati contenuti nel rapporto indicano che i creatori di app europee hanno guadagnato il 20,83 per cento delle entrate totali di App Store, e che tale percentuale si traduce in un calo significativo rispetto alle rilevazioni precedenti.

Nel 2014, Apple aveva annunciato ricavi per gli sviluppatori di tutto il mondo per 20 miliardi di dollari, con 6,5 miliardi per i developer europei, quindi una fetta ben più alta del 32,5%. Nella stessa dichiarazione, Schusser ha confermato le precedenti relazioni sul numero di abbonati ad Apple Music, pari a 50 milioni di utenti paganti, dichiarando come Apple risulti il principale servizio di streaming musicale negli Stati Uniti.

Oliver Schusser è stato promosso a vice presidente di Apple Music e alle vendite internazionali nel mese di aprile 2018, proprio nel periodo in cui Jimmy Iovine ha annunciato il suo passaggio a ruolo di consulente. Si crede che Schusser abbia avuto un ruolo determinante per l’acquisto di Shazam da parte di Apple, oltre che per la firma con etichette esclusive legate ad Apple Music.