Home Macity Voci dalla Rete Apple Europa: obiettivo 10%

Apple Europa: obiettivo 10%

L’obiettivo di mercato di Apple in Europa é il 10%. Lo annuncia ai lettori di ZDNet il responsabile di Apple Francia Thomas Lot, e ora a capo anche della “task force” continentale per le vendite nel settore retail, Lot. Nella lunga intervista Lot spiega le strategie che guideranno la società  di Cupertino nella scalata all’ambizioso traguardo che si riassumo nel binomio, riorganizzazione e innovazione.
“L’innovazione per Apple – sostiene Lot – significa continuare sulla strada intrapresa qualche tempo fa con la scelta di puntare sul video digitale sia nel settore consumer che professionale. Prima ancora abbiamo lanciato il colore nei computer, promosso lo standard USB e introdotto Airport”. Queste scelte, sostiene Lot, hanno dato risultati incredibili: ogni 100 computer Mac venduti 46 sono andati a persone che non avevano un computer. “Se si pensa che, ad esempio, in Francia il 70% delle case non ha ancora un computer significa che abbiamo molto spazio per crescere”.
Per crescere, però, Apple conta molto sul processo di riorganizzazione in corso che in a presenta difficoltà  maggiori che altrove. “Negli USA e in Giappone c’é una sola lingua e una sola legge, qui in Europa la situazione è molto differente ma non per questo non possiamo trovare soluzioni per organizzare al meglio il nostro mercato. Fino ad oggi abbiamo pensato a due canali di vendita, uno per il pubblico “generico” e uno per il settore didattico
Per il pubblico di fascia consumer una soluzione ormai consolidata sono i canali di vendita specializzati in informatica che consentono, secondo Lot, di non sprecare risorse. Lo stesso approccio globale e centralizzato verrà  adottato nel settore didattico dove verranno eliminati i centri nazionali per organizzare il marketing a livello continentale.
Novità  in futuro sono attese anche nel settore professionale. Secondo Lot una delle esigenze di Apple é di concentrare gli sforzi su pochi ma molto efficienti canali di vendita e di trovare un giusto bilanciamento con l’azione di Apple Store. “Oggi la sfida per la distribuzione professionale – sostiene Lot – é nella capacità  di organizzarsi per vendere servizi complessi e a valore aggiunto, come il supporto telefonico ad esempio, che solo reti di vendita su ampia scala territoriale sono in grado di attuare. Queste reti di vendita, però, non hanno un senso se decidono di rivolgersi a clienti sofisticati che non necessitano di assistenza o di supporto. Per costoro entra in gioco Apple Store”.
Lot ha poi stroncato alla radice le proteste di coloro che sostengono che il business con Apple è ormai poco interessante. “E’ vero é poco interessante per chi ha volumi di vendita bassi e non dedica abbastanza energie alla vendita dei prodotti Apple. Due anni fa in Francia avevamo 4000 rivenditori di prodotti Apple. Dopo una scrematura basata sul fatturato siamo arrivati a 400 e abbiamo ricevuto solo due lamentele. Da allora abbiamo ridotto i rivenditori della metà  e siamo a 200”.

Offerte Speciali

Super sconto su MacBook Pro 13″ 16/512 GB: risparmio da oltre 400 euro

Su Amazon è in forte sconto il nuovo MacBook Pro 13" in versione 16 GB RAM / 512 GG HD SSD. Lo pagate oltre 400 euro meno del prezzo Apple.
Articolo precedente3D x 2.
Articolo successivoNuove versioni di SurfDoubler e DHCP Server
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,835FansMi piace
93,810FollowerSegui