fbpx
Home Macity Futuroscopio Tre funzioni che stroncheranno la batteria del vostro iPhone 6s

Tre funzioni che stroncheranno la batteria del vostro iPhone 6s

Se speravate che Apple si fosse finalmente decisa a sfornare un iPhone che non inseguisse la filosofia del “più sottile ad ogni costo“, favorendo così un aumento dell’autonomia energetica, il keynote dello scorso 9 settembre ha portato con sè una bella e una brutta notizia.

La bella notizia è che, sì, finalmente Apple ha rilasciato un iPhone più spesso del suo predecessore; invece la brutta notizia è che, no, non l’ha fatto per aumentarne l’autonomia.

Questa volta Apple non solo non ha aumentato la capacità della batteria del nuovo iPhone, ma è pure riuscita a diminuirla, passando da 1840 mAh a 1750 mAh.

Lo spessore di iPhone 6s rispetto al predecessore è aumentato per irrobustire lo chassis del telefono (chi ha detto bendgate?) ma soprattutto per consentire l’implementazione del nuovo 3D Touch, la cui ingegnerizzazione richiede più spazio, a spese naturalmente della nostra amata batteria, che perde 90 mAh.

90 mAh non sono questa grave perdita e la stessa Apple dichiara un’autonomia per il suo nuovo smartphone identica a quella garantita dal predecessore; il nuovo iPhone 6s porta però con sé anche nuove funzioni che potrebbero essere letali a livello energetico, lasciandovi a piedi prima del previsto. Vediamo le tre potenzialmente più voraci.


Hey Siri: ma quanto consumi?

Ispirandosi alla funzione Moto Voice di Motorola, anche Apple ha introdotto l’ascolto vocale continuo di Siri, attivabile con la frase “Hey Siri“.

Utile e interessante, ma quanto ci costerà in termini di autonomia questa nuova funzionalità? Se l’è chiesto anche Sony, che ha subito colto l’occasione per sparare una frecciata all’assistente personale della Mela, pronto a gravare sulla rimaneggiata batteria di iPhone 6s

sony sbeffeggia durata batteria di iphone 6s
Sony attacca la durata della batteria di iPhone 6s


Live Photos

Altra novità di tutto rispetto per iPhone 6s, sono le “foto viventi” registrate immortalando 1.5 secondi precedenti e successivi l’attimo fotografato e capaci di animarsi a seconda della volontà dell’utente.

Queste immagini però peseranno il doppio rispetto alle immagini tradizionali e la loro elaborazione durante lo scatto nonché  l’impegno dello smartphone nella successiva elaborazione – e soprattutto durante la visualizzazione della immagini (si tratta in effetti di immagini in sequenza) – richiederà probabilmente un maggior dispendio energetico.

Vista la prossima compatibilità con Facebook, se il social network o la rete in generale fosse inondata di immagini “viventi”, la fruizione continua a costante potrebbe impattare negativamente sulla non straordinariamente capace batteria di iPhone 6s.

Apple live photos


Video in 4K

Anche in questo caso ci troviamo di fronte ad un peso massimo. Registrare video a 4K richiede l’elaborazione di una significativa mole di dati: un solo minuto per un video a 4K equivale a 375 MB di dati elaborati ed archiviati.

Se siete appassionati di video e prevedete di passare buona parte del tempo a registrare video, meglio acquistare preventivamente una batteria aggiuntiva o una cover con batteria integrata.

Considerando questi aspetti è forse stato un bene che Apple non abbia incluso uno schermo 4K per il suo iPhone, che avrebbe richiesto un ulteriore consumo energetico.

iphone 6s video a 4k


Insomma, se è vero che iOS 9 porterà in dote alcune funzionalità che promettono di migliorare l’autonomia e di guadagnare minuti preziosi, ed i nuovo processore dovrebbe essere ottimizzato per affrontare questi compiti, non è consolante sapere però che il meglio che potremo ottenere dal nostro iPhone in termini di autonomia, è al massimo equivalente a quanto ottenuto dalla precedente generazione. Anzi chi scrive crede ragionevolmente che sarà molto semplice fare di peggio, in attesa di essere smentito da prove sul campo.

Se aggiungiamo che nemmeno questa volta Apple ha deciso di includere una modalità di ricarica veloce, ormai sdoganata da diversi brand concorrenti, non possiamo che restare delusi da questa “involuzione energetica”.

Offerte Speciali

Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,983FansMi piace
93,611FollowerSegui