fbpx
Home Macity Internet Cambridge Analytica avrebbe voluto lanciare la sua criptovaluta

Cambridge Analytica avrebbe voluto lanciare la sua criptovaluta

La società dietro il massiccio scandalo di perdita di dati di Facebook, Cambridge Analytica, aveva tentato di sviluppare la propria criptovaluta lo scorso anno e aveva intenzione di raccogliere fondi attraverso un’ICO. La moneta digitale avrebbe aiutato le persone a memorizzare i dati personali online e persino a venderli, ha detto al Times l’ex dipendente di Cambridge Analytica Brittany Kaiser.

Cambridge Analytica, che ha ottenuto i dati di 87 milioni di utenti di Facebook, sperava di raccogliere fino a 30 milioni di dollari attraverso l’ICO. Le ICO sono diventate un modo a volte discutibile per raccogliere fondi, persino rivaleggiando i finanziamenti dei venture capitalist e diventando una modalità oggi diffusa (ma non regolamentata) per ottenere capitali privati per le aziende.

La compagnia ha anche tentato di promuovere un’altra moneta digitale: aveva organizzato per i potenziali investitori un viaggio di vacanza a Macao a sostegno di Dragon Coin, una criptovaluta rivolta ai giocatori di casinò. Dragon Coin è stata sostenuta da un gangster di Macao Wan Kuok-koi, soprannominato Broken Tooth, secondo i documenti ottenuti dal Times.

Cambridge Analytica criptovaluta

Cambridge Analytica aveva iniziato a lavorare sulla propria ICO a metà 2017 e l’iniziativa è stata supervisionata in parte dal CEO Alexander Nix e dall’ex dipendente Brittany Kaiser. I piani dell’azienda di lanciare un ICO erano ancora nelle fasi iniziali quando Nix era stato sospeso lo scorso mese e la fuga di dati di Facebook ha iniziato a guadagnare l’attenzione del pubblico.

Ora tali progetti sono stati ufficialmente consegnati alla storia: come abbiamo riportato in un articolo recente, travolta dallo scandalo Facebook, Cambridge Analytica ha chiuso i battenti, trascinando con sé anche la società capogruppo SCL Group.

Cambridge Analytica e SCL hanno rilasciato una dichiarazione congiunta che conferma la chiusure delle società. “Negli ultimi mesi, Cambridge Analytica è stata oggetto di numerose accuse infondate”, si legge nella nota. “L’assedio della copertura dei media ha allontanato praticamente tutti i clienti e i fornitori dell’azienda. Di conseguenza, è stato determinato che non è più possibile continuare a gestire l’attività “.

Offerte Speciali

Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,983FansMi piace
93,611FollowerSegui