Da Bosch un dispositivo per aiutare a monitorare la qualità dell’aria

Bosch Climo

Soluzione connessa premiata a Las Vegas nella categoria “Città Intelligenti”. I dati intelligenti aiutano le città a intervenire sull’inquinamento dell’aria, obiettivo primario per la pianificazione ambientale urbana.

[banner]…[/banner]

Grazie alla tecnologia per smart city, le città ora possono intervenire sull’inquinamento dell’aria.Un primo passo verso il miglioramento della qualità dell’aria è la fornitura e gestione dei dati. Al CES 2018 Bosch ha presentato il suo sistema di monitoraggio del microclima Climo – una nuova soluzione che aiuta le città a gestire i parametri di qualità dell’aria in tempo reale e a un costo molto inferiore rispetto alle tecnologie esistenti.

Il sistema Climo, sviluppato da Bosch in collaborazione con Intel consente secondo il produttore una rapida e accurata misurazione dei parametri di qualità dell’aria. Combina sensori e software per fornire un’ampia gamma di dati sulla qualità dell’aria, riferiti a inquinanti essenziali come: particolato, monossido di carbonio, ossido d’azoto, diossido di azoto, anidride solforosa e ozono. Il sistema fornisce altresì dati provenienti dai paramenti ambientali come temperatura, umidità relativa, luce, suono, pressione e persino polline.

La qualità dell’aria è un obiettivo primario per la pianificazione ambientale urbana. I dati forniti da questo sistema possono essere utilizzati dalle città in un’ampia gamma di approcci proattivi come ad esempio la gestione del traffico. Serve anche per fornire alla popolazione locale consigli e informazioni. Per esempio, i cittadini affetti da asma o allergie possono sapere immediatamente se è preferibile non uscire o evitare determinate zone della città. Il sistema rappresenta inoltre una fonte di dati utili per prendere altre decisioni, come politica e pianificazione future. Nelle aree rurali o nei parchi, il sistema può anche fornire un avvertimento tempestivo in caso di incendi.

Bosch Climo

La raccolta di dati sul microclima è resa possibile grazie alla connettività dei sensori wireless compatti. La calibrazione e il monitoraggio a distanza può avvenire sia via wireless (Wi-Fi e 3G) che attraverso una connessione cablata. Il sistema Climo è alimentato con tecnologie Intel IoT e presenta funzionalità di analisi basata su cloud, gestione dati e software di visualizzazione.

Le unità sono preconfigurate per ubicazione e possono essere ulteriormente configurate usando aggiornamenti over-the-air. La semplicità di aggiornamento è parte del design Climo e rimanere al passo con le future tecnologie, come il 5G, non appena saranno disponibili.

Bosch Climo

Mentre i sistemi di monitoraggio della qualità dell’aria possono spesso richiedere ampi investimenti in infrastrutture e sono difficili da utilizzare, il sistema Climo secondo il produttore è stato concepito per una semplice implementazione e gestione. Presenta 1/100 delle dimensioni e 1/10 del costo di un tradizionale sistema di monitoraggio della qualità dell’aria. Climo è stato inoltre concepito per supportare un’ampia gamma di condizioni climatiche. Le unità possono essere alimentate a 110/220V o 12V CC. Questo le rende una soluzione interessante per le città e i paesi di tutto il mondo – in differenti aree climatiche e con differenti situazioni economiche. Originariamente, la soluzione è stata sviluppata da ingegneri Bosch in India.

Climo è stata premiata con un Innovation Award di CES 2018 nella categoria smart city. Nel corso del CES 2018, Climo ha monitorato la qualità dell’aria nella città di Las Vegas.