Come viaggiare con le batterie al litio in aereo

Quali sono le regole per chi si accinge a viaggiare con un portatile, caricatore, powerbank, dispositivo elettrico, elementi di cui tenere conto anche quando si vuole comprare un dispositivo elettrico all'estero.

Trasporto delle batterie al litio in aereo, le regole da seguire

Il trasporto delle batterie al litio comporta alcune regole che è importante conoscere prima di iniziare a viaggiare in aereo. In generale le regole del trasporto aereo consentono ai passeggeri di portare nel bagaglio a mano la maggior parte delle batterie in commercio. È possibile trasportare tranquillamente le normali pile anche nel bagaglio a mano.

Vi sono invece dei limiti per quanto riguarda le batterie agli ioni di litio che rendono più problematico il trasporto di dispositivi come i caricabatterie portatili (powerbank) in aereo. Stesso discorso per le batterie ricaricabili (come quelle aggiuntive per gli smartphone e i computer portatili).

Due tipi di batterie
Le batterie al litio sono oramai presenti su un numero sterminato di dispositivi moderni dell’elettronica di consumo. Le più diffuse tipologie di questi accumulatori sono:

– Batterie agli ioni di litio – dette anche Li-ion o al litio secondario, e sono tipicamene le batterie ricaricabili di smartphone, laptop, macchine fotografiche, e giocattoli.

– Batterie al litio metallico – Dette anche batterie al litio secondario, non sono ricaricabili

Perché le batterie al litio in aereo sono pericolose?
Le batterie al litio difettose o danneggiate potrebbero far uscire liquido chimico altamente infiammabile. Inoltre, nel caso di cortocircuito, tali batterie sono in grado di sviluppare in breve tempo alte temperature attraverso il surriscaldamento. In entrambi i casi, la pericolosità del trasporto in aereo delle batterie al litio è insita nel rischio di provocare un incendio, ed è per questo che tale tipo di articolo è soggetto a restrizioni

Batterie confezionate

Quali batterie è possibile trasportare a bordo e in che modalità?
La trasportabilità a bordo aereo (in cabina o in stiva) delle batterie al litio inserite nel dispositivo o di scorta dipende dalla loro grandezza. In linea generale è possibile trasportare senza problemi batterie di piccole dimensioni da impiegare in smartphone, lettori musicali portatili, computer portatili, macchine fotografiche.

Ogni compagnia prevede comunque dei limiti nel numero di unità che è possibile trasportare nel bagaglio a mano o in stiva. Sui vari siti delle compagnie trovate i limiti nel numero di unitò trasportabili per quanto riguarda batterie di piccole, medie e grandi dimensioni. Il trasporto a bordo aereo di quest’ultimo tipo di batterie non è generalmente consentito con l’unica eccezione delle batterie necessarie per alimentare sedie a rotelle o altri dispositivi di ausilio ai passeggeri con mobilità ridotta.

In generale la trasportabilità aerea di una batteria al litio dipende dalla sua configurazione e dalla sua potenza in wattora (Wh) (per batterie ricaricabili litio-ione-polimero) o dal suo contenuto di litio (LC) (per batterie al litio metallico non ricaricabili.

La batteria trasportata nel bagaglio a mano non deve eccedere il massimo di 100 Wh.

Per ottenere il valore di Watt per ora bisogna moltiplicare il voltaggio (misurato in V) della batteria per gli Ampere orari (Ah). Se questo valore non è superiore aa 100 Wh, la batteria tipicamente può esseare portata all’interno del bagaglio a mano.

Per valori superiori, sia la Federal Aviation Administration (FAA) sia l’EASA (Agenzia europea per la sicurezza aerea) stabiliscono che serve l’approvazione di un operatore.

Sul sito di Ryanar è spiegato che è consentito il trasporto nel bagaglio a mano di un massimo di due batterie di riserva (solo “a secco” o al gel); le batterie devono essere protette individualmente al fine di evitare corto-circuiti. I terminali delle batterie devono essere incassati o imballati separatamente per impedire il contatto con oggetti metallici, inclusi i terminali di altre batterie. Nei casi in cui sia consentito l’uso di un dispositivo medico assistivo personale durante il volo, il passeggero deve assicurarsi di disporre di un numero di batterie cariche sufficiente per coprire la durata del viaggio e i possibili ritardi.

Alitalia riferisce che le batterie al litio per dispositivi elettronici portatili devono essere portate solo nel bagaglio a mano. Per le batterie al metallo di litio il contenuto di litio non deve superare i 2 g e per le batterie agli ioni di litio l’energia non deve superare i 100 Wh. Queste batterie devono essere individualmente protette per evitare corto circuiti. Sono consentiti al max 20 pezzi di batterie per persona. Batterie di scorta, come ad esempio le Alkaline che includono Nickel Cadmium, Nickel Metal Hydride, eccetera, possono essere trasportate nel bagaglio a mano e i terminali della batteria protetti.

Per quanto riguarda le betterie di ricambio agli ioni di litio con una energia superiore a 100 Wh ma non oltre i 160 Wh per dispositivi elettronici portatili e dispositivi medici portatili (PMED) o con una quantità di metallo di litio superiore a 2 grammi ma non oltre gli 8 gr (solo relativamente ai PMED), queste sono consentite solo nel bagaglio a mano. Sono consentiti solo 2 pezzi per persona e devono essere singolarmente protette per evitare cortocircuiti.

Documentazione relativa alle batterie

Tutte le compagnie spiegano che le attrezzature contenenti batterie al litio dovranno essere spente e dovranno essere adottate tutte le precauzioni per evitare che si riattivino accidentalmente all’interno del bagaglio.

I terminali di tutte le batterie al litio di scorta, il cui trasporto è ammesso soltanto in cabina, devono essere protetti da corto circuito. In caso di dubbi al check-in è meglio avere alla mano le informazioni relative al contenuto di litio nelle batterie (watt-ore o grammi) e le informazioni sui test delle Nazioni Unite. Questi dati dovrebbero essere indicati sulle batterie o disponibili nel foglio riepilogativo sui dati della batteria, sul manuale utente, ecc.

Viaggiare con batterie sfuse
Le batterie sfuse possono provocare incendi se non vengono trasportate correttamente. Tutti i tipi di batterie sfuse (come le batterie al litio, al nichel-cadmio (Ni-Cad) e alcaline) possono generalmente essere trasportate in sicurezza nel bagaglio a mano, purché siano adeguatamente protette da corto circuito.

Le compagnie aeree consigliano di chiuderle nella loro confezione originale, oppure coprire i terminali con nastro adesivo o, ancora, riporre ogni batteria in una busta di plastica separata o in un astuccio protettivo. È necessario spegnere le batterie di tutti i dispositivi elettronici (ad es. macchine fotografiche, telefoni cellulari e computer portatili) in modo da evitarne l’accensione accidentale quando vengono riposti nel bagaglio da stiva.