fbpx
Home Macity Internet Facebook vuole farsi una sua rete WiFi ultraveloce

Facebook vuole farsi una sua rete WiFi ultraveloce

Starry Point
Starry Point

Alcuni giorni addietro abbiamo parlato della tecnologia sviluppata da Starry, una startup statunitense che promette di semplificare l’accesso internet a larga banda con velocità fino a 1 gigabit e senza alcun limite.

Starry ha sviluppato una sorta di antenna (“Starry Point”) in grado di offrire connessioni di qualità con velocità paragonabile a quelle delle migliori connessioni cablate, ma con costi e complicazioni inferiori (l’installazione è a portata dell’utente).

Anche Facebook ha allo studio una tecnologia simile a quella di Starry. Ne parla The Verge che ha individuato due brevetti: il primo risale a ottobre dello scorso anno ed è stato registrato da Sanjai Kohli, un dipendente del social. In questo si parla di un “Data Network di prossima generazione” che sfrutta per i collegamenti le onde millimetriche (in altre parole onde che hanno una lunghezza compresa tra 1 e 10 millimetri, e una frequenza compresa tra 30 e 300 GHz) consentendo di collegare link radio dispiegati come una rete a maglie (mesh) costituita da un gran numero di nodi che fungono da ricevitori, trasmettitori e ripetitori.

Il secondo brevetto risale alla fine del 2015, descrive la rete di nuova generazione più in dettaglio ed è una sorta di sistema di routing centralizzato e cloud-based in grado di “impostare dinamicamente routing e la frequenza di assegnazione del canale, la potenza di trasmissione, la modulazione, il coding e il symbol rate (una tecnica di trasmissione del segnale, ndr) massimizzando le capacità del network e la probabilità di distribuire i pacchetti, invece di cercare di massimizzare le capacità di un link qualsiasi”.

Facebook ha confermato di stare lavorando nel campo delle onde millimetriche e che lo sviluppo di questa tecnologia è parte delle iniziative dell’ente internet.org che punta alla diminuzione del digital divide tra le varie zone del globo. “Il lavoro” ha dichiarato un portavoce di Facebook “fa parte del Connectivity Lab che supporta la mission di internet.org: connettere 4 miliardi di persone che non hanno accesso a internet”. Il Connectivity Lab sta lavorando a vari progetti di questo tipo, incluso un sistema che permette di sfruttare connessioni satellitari e altre che sfruttano un sistema di comunicazione laser con flotte di droni a guida autonoma alimentati a energia solare in grado di creare nei cieli una rete a 10 Gbit/s.

 

Offerte Speciali

Su Amazon torna Mac mini M1 in pronta spedizione

Mac mini M1 con SSD 256 GB al minimo storico: solo 744 € su Amazon

In offerta con sconto di più di 50 € su Amazon il recentissimo Mac mini con processore M1: 8 core grafici e 8 core di calcolo con SSD da 256 GB per sfruttare al massimo anche macOS Big Sur.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,803FansMi piace
92,970FollowerSegui