Rinascita Google Glass, la registrazione legale indica novità in arrivo

Nuove etichette digitali provenienti dalla FCC sembrano confermare l'esistenza di una nuova generazione di Google Glass; gli occhiali smart di Google potrebbero non essere morti e sepolti. Ecco la prova

Addio Google Glass

Google Glass, gli occhiali intelligenti e futuristici di Google non hanno ancora trovato spazio all’interno del mercato degli indossabili smart. Eppure, il passaggio del progetto in capo al CEO di Nest, Tony Fadell, avvenuto ad inizio anno, ha chiarito la volontà della casa di Mountain View di non abbandonare il prodotto, bensì di rilanciarlo. Sebbene manchino dettagli ufficiali in proposito, le tradizionali certificazioni FCC necessarie per le apparecchiature elettroniche con trasmissione wireless a contatto con l’essere umano, scoperte dalla redazione di Droid Life, potrebbero preannunciare l’arrivo di una nuova generazione di Google Glass.

Ovviamente, lungi ancora dall’essere presentati ufficialmente, i nuovi Google Glass potrebbero comunque essere in una fase di sperimentazione presso Google. I documenti FCC scoperti dalla fonte, infatti, recano alcune caratteristiche dei moduli radio presenti all’interno di questo misterioso dispositivo indossabile presentato da Google e che attualmente risponde al solo nome in codice GG1: bande Wi-Fi con supporto 2,4 GHz e 5 GHz e Bluetooth. Naturalmente, anche se i documenti non classificano ancora l’oggetto, la sigla GG1 potrebbe far pensare proprio ai Google Glass. Tra le altre note dei documenti FCC, si scopre anche che il misterioso dispositivo gode di una batteria ricaricabile non removibile, da ricaricare con un cavo USB da collegare al computer, che permetterà anche il trasferimento dati.

Al di là di queste caratteristiche, che potrebbero anche riferirsi ad un qualsiasi altro hardware di Google, come ad esempio un nuovo Chromecast, l’etichetta elettronica della FCC scoperta dalla fonte, proviene da un software probabilmente in esecuzione sul misterioso dispositivo in questione. L’immagine, che riportiamo in calce, sembra avere le carte in regola per provenire direttamente da un sistema operativo molto simile a quello apprezzato sulla prima revisione dei Google Glass. Inoltre, rivela la fonte, per accedere a questa etichetta informativa, spiega il documento FCC, è necessario navigare nel menu impostazioni effettuando scroll a sinistra e a destra. Questo sistema per scorrere i menu attraverso gestures potrebbe ben adattarsi all’OS mobile di un paio di occhiali intelligenti.

google glass 2Google Glass