fbpx
Home Macity Voci dalla Rete Hillary Clinton alla conquista della Silicon Valley: ha il sostegno di Box.net

Hillary Clinton alla conquista della Silicon Valley: ha il sostegno di Box.net

La corsa di Hillary Clinton alla conquista della Casa Bianca passa dalla Silicon Valley: la candidata alle presidenziali degli Stati Uniti d’America ha ottenuto l’appoggio di Aaron Levie, giovanissimo CEO di Box.net, società leader nella sincronizzazione e condivisione di file aziendali. Un primo passo importante per la Clinton nel mondo dell’hi-tech: l’appoggio delle aziende del settore tecnologico è ciò che la candidata sta cercando sin dall’inizio della sua campagna, per la cui organizzazione si è circondata di uno staff proveniente anche dalla Silicon Valley. Il fondatore di Box.net, società fondata nel 2005 che oggi vale 2 miliardi di dollari e ha oltre 34 milioni di utenti in tutto il mondo, ha deciso di sostenere una raccolta fondi per la Clinton per le presidenziali del 2016, dichiarando: “L’industria tecnologica e la politica hanno più punti di contatto rispetto al passato”. In un’intervista rilasciata a Reuters Levie ha spiegato che la posta in gioco per il settore dell’hi-tech è alta a tal punto da rendere necessaria una presa di posizione sui candidati da parte delle aziende: la politica dovrà affrontare questioni importanti come la gestione dei brevetti, i visti dei lavoratori stranieri, la privacy e la sorveglianza del governo.

Hillary Clinton, senza nascondere il suo desiderio di avere l’appoggio dei big della Silicon Valley, ha dichiarato: “I giovani imprenditori che scommettono sull’innovazione sono la chiave che consentirà alla nostra economia di crescere e di diventare più forte”. Un corteggiamento, quello della Clinton, che però è anche una sfida: i giovani nerd mancano di entusiasmo per la politica e se pure la comunità hi-tech graviti soprattutto verso i democratici, non sempre si schierano pubblicamente.

Aaron Levie Box Box.net Hillary Clinton
Aaron Levie, CEO e fondatore di Box.net

Offerte Speciali

BeatX, auricolari wireless parenti di AirPods: solo 71€

BeatsX, gli auricolari parenti di AirPods su Amazon costano solo 79€

I BeatsX, auricolari Bluetooth prodotte da Apple che si ricaricano con il cavo Lightning e condividono lo stesso chip di AirPods, sono in sconto su Amazon: solo 79€
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,436FansMi piace
95,281FollowerSegui