I Galaxy Note 7 esplosivi mandano in fumo i profitti di Samsung

Le esplosioni dei Galaxy Note 7 mandano in fumo anche i profitti di Samsung. Prevedibile, ma per fortuna la serie Galaxy trova ottimi alleati in S7 e S7 Edge

[banner]…[/banner]

Prevedibile: le esplosioni improvvise dei Galaxy Note 7, che hanno portato allo stop della produzione e al ritiro dal mercato delle unità già vendute, hanno mandato in fumo anche i profitti della multinazionale sud coreana, almeno per quel che riguarda il trimestre terminato a settembre scorso. La divisione mobile della società è in calo del 96% a 100 miliardi di won coreani (pari a circa 87,9 milioni di dollari) rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Samsung ha così registrato profitti operativi netti di 5,2 trilioni di won per il terzo trimestre, in calo del 30 per cento rispetto ai 7,4 trilioni di won nello stesso periodo di anno fa. Anche i ricavi sono passati da 51,7 trilioni di won nel 2015 a 47,8 trilioni nel trimestre più recente, con una variazione negativa del 7,5 per cento.

Da segnalare, che in questo modo l’unità mobile di Samsung è riuscita ad ottenere profitti operativi poco entusiasmanti, pari a 100 miliardi di won, in calo dai 2,4 trilioni di won nel trimestre dell’anno scorso. Giusto per un confronto più recente, Samsung ha guadagnato 4,32 trilioni di won per i tre mesi conclusi lo scorso giugno. Il risultato è tra i più bassi della divisione mobile dal lontano 2009, ossia da quando ha lanciato il primo dispositivo Galaxy.

Tutto ciò ha dei risvolti negativi anche per gli investitori, che prevedono cali nei profitti: Samsung ha tagliato le stime di 2,3 miliardi di dollari previsti all’ inizio del mese. La causa di tutto, ovviamente, è la disfatta dei Note 7, ritirati dal mercato, a causa dei noti problemi registrati subito dopo il lancio. Non è più mistero che le esplosioni e gli incendi causati dal terminale, registrati prima in Corea del Sud per poi diffondersi su panorama internazionale, hanno costretto Samsung a fermare le spedizioni, le vendite e a cancellare direttamente il brand Note 7, richiamando circa circa 2,5 milioni di dispositivi già partiti.

Fortunatamente per Samsung, resta solido il brand Galaxy, che vede in S7 ed S7 Edge validi alleati. Toccherà anche, e soprattutto, a Galaxy S8 ripristinare il buon nome del marchio, che oggettivamente ha subito un colpo non indifferente.

Galaxy Note 7