fbpx
Home MacProf Emulazioni, virtualizzazione, Mac e Windows Il succo software del Keynote WWDC 2006

Il succo software del Keynote WWDC 2006

Un keynote a misura di sviluppatore. Tante le novità  presentate, ma tutte per il mondo Pro. A dispetto delle attese e dei rumor dei giorni scorsi, infatti, niente di nuovo dal punto di vista dei prodotti consumer. Com’era giusto che fosse, peraltro, vista la sede. Anche un keynote molto corale, con ben tre persone a darsi il cambio con Steve Jobs. Per la precisione, oltre al solito Phil Schiller, anche Bertrand Serlet – vicepresidente di Apple già  noto per le dirette in video durante passati keynote a San Francisco e Parigi – e con il giovane Scott Forstall, stella nascente in casa Apple e più “tecnico” tra i vari uomini che oggi si sono alternati sul palco del Moscone Center West.

Ricapitoliamo brevemente le novità : due fondamentalmente le aree nelle quali Steve Jobs e i suoi hanno presentato le novità . Hardware, con i nuovi Mac Pro e Xserve, e software, con l’anteprima delle dieci fondamentali funzioni di Leopard. Delle altre, come ha precisato Jobs, non si parla per evitare di trovarle dentro la prossima versione di Vista.

Leopard arriverà  la prossima primavera (c’è già  chi dice che sarà  in contemporanea o addirittura prima di Vista, previsto invece in un primo momento per il prossimo gennaio) porta con sé una lunga lista di novità , dunque. Ecco qui in breve quali, secondo l’ordine seguito dallo stesso Steve Jobs alla fine del keynote con quello che definisce un “grande slam”:

– 64 bit per tutte le applicazioni, Cocoa o Carbon
– Core Animation
– Universal Access e parental control molto migliorati
– Integrazione delle tecnologie per adesso in beta: Boot camp, Front row, Photo boot
iChat e Mail completamente rivisitati. In particolare, iChat con video e presentazioni appaiate, Mail con note e appuntamenti.
– Steve Jobs non ha parlato di iCal nel keynote, ma annuncia alla fine che l’applicazione diventa multiuser e sempre più standard con le tecnologie diffuse nel web.
– Spotlight più ricco e integrato
– Dashboard con web clip e dashcode, la prima per gli utenti (possono “rubare” siti web e trasformali in widget aggiornati in tempo reale) e la seconda per gli sviluppatori.
– Anche Xcode 3, di cui non si è parlato nel keynote ma che viene presentato nelle sessioni riservate agli sviluppatori sarà  secondo Jobs un gigantesco passo avanti
Spaces, un nuovo modo di lavorare con il Mac, grazie ad un ricco ambiente multischermo, più facile e intuitivo di quel che si trova oggi sul mercato, compreso effetto simil Exposé per vedere tutti gli schermi e trascinamento delle applicazioni da un desktop all’altro

Infine, Time Machine è l’applicazione su cui Apple punta tantissimo, dato che permette di fare in maniera innovativa i backup e permettere di salvare i dati persi per errore. Solo il 4% degli utenti usano applicazioni per backup, con questo sistema Apple prevede di poter gestire invece il backup per tutti. Alcuni si chiedono se ci sarà  anche una integrazione con DotMac, del quale Steve Jobs non ha parlato. Lo scopriremo nei prossimi mesi…

Offerte Speciali

MacBook Air 2019 vs MacBook Air 2020, specifiche a confronto

Su Amazon il MacBook Air M1 con 512 GB SSD scontato quasi al 10%

Il portatile più ricercato della nuova ondata di Mac con M1 è in offerta con uno sconto prossimo al 10% su Amazon. Ottimo spazio su SSD e tanta velocità per il nuovo MacBook Air.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,883FansMi piace
93,611FollowerSegui