L’utente medio usa 9 app al giorno e circa 30 al mese

App Store

Sono milioni le app iOS e Android, ma in fondo uno studio App Annie rivela che se ne utilizzano circa 9 al giorno e 30 al mese. Ecco la routine dei nativi digitali.

[banner]…[/banner]

Milioni e milioni le applicazioni in App Store, ma sono davvero poche quelle che, secondo uno studio, utilizziamo quotidianamente. Per l’esattezza, se ne userebbero 9 al giorno e 30 al mese. Lo dice uno studio condotto da App Annie all’inizio della settimana.

Sebbene tra i paesi interessati dallo studio non figuri l’Italia, il rapporto suggerisce che l’utilizzo di queste app avviene con una certa routine quotidiana: quasi certamente, anche nei nostri confini, l’uso di app e smartphone avverrà in modo molto similare.

Ad utilizzare il maggior numero di app sono gli utenti iOS rispetto a quelli Android, che invece si focalizzano maggiormente sull’utilizzo dei giochi. Sebbene 9 app al giorni sembrino tante rispetto alle cinque segnalate nel 2015 da un’altra ricerca condotta da Forrester, così non è: quest’ultima ricerca, infatti, escludeva dal conteggio le app native, come il dialer, mail, calendario, e app di messaggistica, mentre lo studio App Annie le include. In altre parole, le due ricerche, pur condotte a distanza di due anni l’una dall’altra, sembrano continuare a raccontare la stessa storia.

app iOS

Al di là di utility e strumenti, le app maggiormente popolari sono quelle relative ai social e alla produttività. Ciò che è aumentato, rispetto allo scorso 2015 è il tempo trascorso con ogni singola app: negli USA, sottolinea App Annie, gli utenti spendono in media oltre 2 ore e 15 minuti ogni giorno, mentre in Corea del Sud, Brasile, Messico e Giappone si arriva circa 3 ore al giorno.

Curioso è notare come, tra le app mensilmente utilizzate, ci sia spazio anche per quelle che non figurano nelle classifiche top: questo vuol dire che oltre a Facebook e WhatsApp, gli utenti utilizzano in modo ricorrente anche altri applicativi che attualmente risultano nascosti tra le pagine dei vari store digitali, non figurando alle prime posizioni.