Nuova era SSD, prestazioni senza precedenti per Intel Optane Serie 900P

Gli SSD non nascono tutti uguali: i nuovi Intel Optane Serie 900P sono i primi basati sulle memorie 3D XPoint. Offrono prestazioni e durata nel tempo fino a 4 volte superiori a qualsiasi altro SSD sul mercato

Da qualche anno si parla XPoint 3D, una memoria non volatile simile alle NAND ma con prestazioni più elevate, soprattutto per quanto riguarda i tempi di accesso, ma anche in termini di durata nel tempo rispetto alle MLC, TLC e alle QLC.

A marzo di quest’anno Intel ha annunciato le prime unità destinate ad ambiti professionali; ora sono state annunciate le unità SSD Intel Optane Serie 900P, i primi SSD per PC desktop e workstation basati sulla tecnologia Optane, presentati in occasione di CitizenCon, un evento che si svolge a Francoforte.intel Optane

Le unità SSD Intel Optane serie 900P, spiega Intel “Offrono una latenza sbalorditivamente ridotta” e “le migliori prestazioni di lettura e scrittura casuale della categoria con profondità di coda” (queue depth) basse, fino a quattro volte più veloci degli SSD concorrenti basati su tecnologia NAND.

Il produttore spiega che le unità SSD Optane serie 900P sono ideali per carichi di lavoro di storage impegnativi, tra cui rendering 3D, simulazioni complesse, tempi rapidi di caricamento dei videogame e altro ancora. La resistenza è dichiarata fino a 22 volte superiore rispetto ad altre unità: il valore indicato da Intel è fino a 8.760 TBW (per il modello da 480 GB), sensibilmente superiore ai 1.200 TBW garantiti da Samsung con l’SSD 960 Pro da 2TB. intel OptaneLe unità saranno proposte in due varianti: un primo modello da 240GB in formato 2,5″ con connettore U.2 PCI-Express 3.0 4x e un secondo modello con connettore PCI-Express 3.0 4x nelle varianti da 240GB e 480GB. Per quanto riguarda le performance si parla di 2,5 Gb/s in lettura e 2 Gb/s in scrittura con valori massimi casuali che si attestano a 550.000 e 500.000 IOPS. Intel indica una latenza inferiore ai 10 mcirosecondi. Come termine di paragone, l’unità 960 Pro di Samsung raggiunge 14.000 IOPS in lettura e 50.000 IOPS in scrittura a QD1 (Random Read 4KB) e arriva a 440.000 IOPS e 360.000 IOPS a QD32 ( Random Write 4KB).

Per quanto riguarda i prezzi, abbiamo: 389 dollari per il modello da 280 GB e 599 dollari per quello da 480 GB. Si tratta di prezzi elevati, quasi tre volte rispetto alla concorrenza, ma è al momento la soluzione più veloce vista sul mercato.