iPhone 6 e iPhone 6 plus, la prova “tasca e orecchio”

Macitynet fa la "prova tasca orecchio" mettendo a confronto iPhone 6 e iPhone 6 plus. Come si comportano in fatto di agilità e anche come appaiono quando li si usa per telefonare?

Portato all'orcchio non appare così gigantesco

State pensando di comprare iPhone 6 e iPhone 6 plus e non sapete quale scegliere per problemi dimensionali? Non siete gli unici, in molti si stanno chiedendo quale dei due telefoni è più adatto alle proprie esigenze. Se uno ha indubitabilmente più spazio sullo schermo, il secondo indubitabilmente è più maneggevole e leggero. Se il plus è interessante per navigare, vedere foto e filmati, quanto ridicolo apparirà per telefonare? Ci starà nella tasca dei pantaloni?

Una risposta assoluta ovviamente non c’è, e dipende, banalmente, da quanto grandi sono le vostre tasche e da che peso siete abituati a portarvi in giro e qual’è la sensibilità che avete allo sguardo della gente. Ma in linea generale, senza la pretesa di voler essere con questo risolutivi, dobbiamo dire che alla presa in mano e al test dei nostri pantaloni, il plus rispondo meglio di quel che ci saremmo immaginati. Scivola abbastanza facilmente nelle tasche, certo non piccole ma neppure enormi, dei pantaloni che indossiamo in questo momento e portato all’orecchio non sparisce in mano come l’iPhone 5s, ma non suscita l’impressione che danno altri smartphone di essere un “iPad mini che telefona”.

Ovviamente l’iPhone 6 plus è molto più discreto e maneggevole, e se cercate un erede ideale per minimalismo e approccio ergonomico dell’iPhone 5 e 5s, è a questo modello che dovete rivolgervi, ma grazie allo spessore, al design e ai colori scelti (il nostro era grigio siderale), possiamo dire che anche con iPhone plus, siamo di fronte ad un prodotto che può essere usato come smartphone, a patto di non attendersi di infilarlo nella tasca della camicia.

Qui sotto una galleria di immagini che abbiamo scattato nel corso del nostro breve test