Jammy è la chitarra midi e componibile che diventa grande: vista al CES 2019

Un manico che suona come una Gibson elettrica o una chitarra acustica (e non solo): per funzionare basta un amplificatore o un paio di cuffie ma con app e collegamento MIDI avviene la magia

La rivoluzione della chitarra parte da Jammy: vista al CES 2019

Dimenticate tutto quello che sapete sulle chitarre perché Jammy cambia tutto, a partire dalla forma. A vederla sembra solo un manico di chitarra, in realtà tutto lo strumento musicale è racchiuso in quei 44 centimetri. La cassa armonica c’è, ma si può smontare e non è obbligatoria ai fini del suo funzionamento quanto piuttosto a fornire un migliore bilanciamento e un abbandono meno netto al design e allo stile delle chitarre a cui siamo normalmente abituati.

La nostra redazione l’ha vista da vicino al Consumer Electronics Show di Las Vegas, dove un portavoce dell’azienda ce ne ha illustrate le peculiarità. L’idea principale è quella di offrire uno strumento facile da suonare, versatile e soprattutto trasportabilissimo: anche il manico infatti si divide in due parti per entrare con più facilità all’interno di zaini, borse e valigie, rispettando le misure limite per poter entrare nel bagaglio a mano.

Per funzionare è sufficiente unire le due parti, collegare un amplificatore o un paio di cuffie – due, le uscite audio – e il gioco è fatto. La chitarra non necessita di accordatura in quanto l’applicazione abbinata consente di decidere l’accordatura di ogni singola corda con un click – ma è possibile regolare la tensione delle corde in base alle proprie preferenze – ed include già i suoni di chitarra elettrica ed acustica per poter funzionare fin da subito ma è ovviamente compatibile anche con altre applicazioni per poter essere utilizzata come controller MIDI.

La rivoluzione della chitarra parte da Jammy: vista al CES 2019

La batteria assicura più di 4 ore di funzionamento con una carica completa e le corde d’acciaio garantiscono un feedback realistico sotto le dita grazie anche all’assenza di latenza. La manopola per la regolazione del volume è anche un pulsante che consente all’utente di cambiare rapidamente gli effetti pre-installati mentre il manico ha 15 tasti, sufficienti – assicura il produttore – per la maggior parte delle esercitazioni.

Jammy, dicevamo, è stata mostrata per la prima volta al CES di Las Vegas conclusosi la scorsa settimana ma è diventato realtà soltanto grazie alla raccolta fondi su Indiegogo, per mezzo della quale la società sviluppatrice è riuscita a raccimolare oltre 200.000 dollari per poter avviare la produzione di massa. La chitarra è già in vendita sul sito ufficiale al prezzo di lancio di 399 dollari mentre, al termine della promozione, si potrà acquistare per 499 dollari.

SPECIALE CES 2019
Scopri Tutte le novità del CES 2019 a partire da questa pagina di macitynet.it