Apple secreta tutta la sua documentazione doganale

di |
logomacitynet696wide

Cupertino gira un’altra vite nella sua corazza per la riservatezza: attivata una procedura che rende segreti tutti i documenti i documenti commerciali inerenti il trasporto e d’importazione. Apple è l’unica grande azienda nel mondo IT ad avere fatto questa scelta. Lo rivela Trade Privacy, azienda specializzata nella riservatezza dei dati aziendali.

Apple chiude un’altra (possibile) falla nella sua cortina per la segretezza delle operazioni: ora tutta la documentazione che riguarda l’importazione dei beni, documenti di trasporto e sdoganamento di Cupertino, non risultano più di pubblico dominio. L’annuncio arriva dalla società  Trade Privacy il cui Ceo e fondatore è stato intervistato da CNN Money.

Secondo Trade Privacy Apple è l’unica società  tra i big del mondo IT ad aver tutelato la segretezza dei propri documenti commerciali. “Società  come Microsoft, Sony e Google continuano a importare lasciando i dati dei propri prodotti esposti al pubblico” ha dichiarato Andrew Park, fondatore e Ceo di Trade Privacy.

Con il Freedom of Information Act negli Stati Uniti molte informazioni in passato detenute dal Governo sono trasformate in documenti di pubblico dominio, passaggio avvenuto anche per i documenti commerciali, di spedizione e delle dogane. Secondo Park Apple ha cominciato a interessarsi alla possibilità  di secretare le proprie informazioni commerciali circa due anni fa con il lancio di iPhone 3G. Alcuni siti e media giunsero a scoprire l’esistenza dello smartphone e dell’imminente lancio sfruttando le informazioni fornite da Import Genius. Questa società  come altre esperte in sistemi di business intelligence prelevano le informazioni della dogana di pubblico dominio per analizzarle e vendere i risultati ottenuti a concorrenti e a tutte le società  interessate.

Ed è per questa stessa ragione che Park ha fondato Trade Privacy una azienda che consiglia e indirizza le società  su come proteggere le proprie informazioni. Park scoprì che i nomi dei propri fornitori, le quantità  di merce importata e altre informazioni sensibili della propria società  erano vendute da Import Genius ai suoi concorrenti. CNN sottolinea comunque che Cupertino è arrivata a secretare le proprie informazioni di business in modo autonomo e senza ricorrere ai servizi di Trade Privacy, molto probabilmente in vista dell’importazione delle prime partite di iPad provenienti dalle fabbriche orientali.