Cresce il jailbreaking di iPhone

di |
logomacitynet696wide

Secondo una analisi cresce l’attività  di sbloccaggio dei telefoni cellulari di Apple nell’ultimo mese. La ragione potrebbe essere anche il rifiuto di Google Voice Mobile nell’App Store, diventato applicazione “illegale” via Cydia.

Secondo quando riportato da uno studio di PinchMedia, ripreso da JAIB e altri siiti Web, la percentuale di utenti che sbloccano il proprio iPhone con l’operazione di jailbroken, che “apre” l’apparecchio all’installazione di software non approvato da Apple tra le altre cose, è in crescita da giugno a luglio. In particolare, si sarebbe passati da un 7% a un 8,43%. Il balzo in avanti è parallelo alle sessioni fatte via telefoni jailbroken rispetto a quelli “normali” (dati misurabili dall’esterno, dice PinchMedia), ovvero da 6,2 a 6,65% rispetto al totale delle sessioni di questi apparecchi.

Una delle possibili spiegazioni potrebbe essere nel fatto che Apple ha rifiutato una popolare applicazione, Google Voice Mobile, la settimana scorsa, e che lo sviluppatore Sean Kovacs ha deciso di pubblicarla lo stesso gratuitamente via Cydia, il sistema di installazione alternativo ad App store per telefoni (e iPod touch) con jailbroken installato.