Dal 2011 caricabatterie cellulari solo via micro-USB

di |
logomacitynet696wide

La norma europea che prevede l’utilizzo esclusivo di caricabatterie via porta micro-USB è stata formalizzata. Dal 2011 cellulari e dispositivi da viaggio assimilati agli smartphone dovranno avere come unico sistema di connessione alla rete elettrica questo tipo di porta. Anche Apple tra i sostenitori dell’iniziativa.

Lo standard micro-USB per la ricarica dei cellulari è diventato una norma dell’Unione Europea. Nel corso della giornata di ieri Il Comitato Europeo per la Standardizzazione nel campo Elettrotecnico e l’Istituto Europeo per gli Standard nelle Telecomunicazioni hanno infatti formalizzato con le necesssarie specifiche la proposta dell’UE per unificare i sistemi di alimentazione e carica delle batterie dei dispositivi da viaggio.

Il passo è fondamentale perché rappresenta l’ultimo pezzo di un puzzle che si è andato via via componendo e che debellerà la Babele di connettori e caricabatteria che caratterizzano l’universo della vita quotidiana di chi ha che fare con cellulari e tablet. L’obbiettivo della UE è quello, in un tempo, di semplificare la gestione dei sistemi, quello di ridurne i costi e l’abbattimento dei rifiuti elettronici. Oggi chi acquista un telefono è costretto anche a comprare un caricabatteria e spesso butta quello vecchio; si tratta di milioni di prodotti che finiscono nella spazzatura e che vanno ad intasare il sistema di smaltimento. Nel momento in cui la norma sarà a regime, i produttori di cellulari potrebbero anche decidere di non includere più un caricabatteria e noi continuare ad usare quelli vecchi e sostituirli solo quando si rompono.

La maggior parte dei protagonisti del settore, tra cui anche Apple, ha aderito alla proposta dell’Unione, dando via libera alla disposizione così che l’auspicio di Antonio Tajani, vice presidente della Commissione, non sembra semplicemente tale: «ora è tempo – dice il rappresentante dell’UE – che l’industria manifesti il suo supporto vendendo telefoni con il nuovo sistema di ricarica. Questo semplificherà la vita dei clienti e darà benefici al comparto. È una situazione da cui tutti trarranno vantaggi»

Ora resta da vedere come Apple, che ha un connettore proprietario (il noto dock), opererà tecnicamente per fare fronte a questa richiesta. Secondo alcuni osservatori il nuovo iPhone e il nuovo iPad potrebbero avere direttamente una porta micro-USB, ma se la filosofia di Cupertino che è per la semplificazione varrà anche in questo caso, è possibile che la ricarica avverrà sempre attraverso la porta Dock, ovviamente usando un adattatore.

L’Unione prevede che i primi cellulari a rispettare la nuova norma arriveranno già dal 2011.