Engineering Project : «Non faremo nessun clone Mac»

di |
logomacitynet696wide

Engineering Project , l’azienda che alcuni giorni va aveva lanciato una campagna su Internet in cui si faceva cenno al lancio di computer Mac compatibili, fa marcia indietro. «Un errore – dice al nostro sito l’amministratore della società – non faremo nessun clone Mac»

In Italia i cloni non ci saranno. Almeno per quanto dipende da Engineering Project, la società  salita agli onori della cronaca dopo avere messo on line una pagina in cui dava notizia di essere prossima al lancio di macchine con Mac Os X. A distanza di qualche giorno da quello che appariva essere uno spot “preparatorio” di una operazione commerciale che avrebbe dato una spinta anche in Italia all’era dei computer Mac compatibili (non autorizzati) l’azienda di Nettuno fa un passo indietro e precisa: «Non abbiamo alcuna intenzione di vendere dei cloni. Le nostre macchine sono certamente simili per molti aspetti ai Mac perché usano le stesse componenti, ma non sono e non saranno in grado di far girare Mac Os X». A pronunciare queste parole, piuttosto chiare, è Renzo De Renzi, amministratore unico di Engineering Project che sviluppa e produce i computer Evo.

Le affermazioni di De Renzi rappresentano un netto cambio di direzione rispetto al messaggio diffuso dalla stessa società  fino alcuni giorni fa dalla sua prima pagina dove si leggeva “Su Evo.proj.it presto potrete personalizzare e ordinare il vostro nuovo EVO PERSONAL con triplo sistema operativo: Mac Os X, Linux, Ms Windows”. Che cosa è cambiato dal momento in cui veniva offerta la possibilità  di personalizzare le macchine con Mac Os ce lo spiega sempre il responsabile di Engineering Project.

«Si è trattato – precisa De Renzi – di un errore. Stiamo tenendo d’occhio il processo Psystar che si svolge negli Usa ed è nostra intenzione creare macchine simili, perché come usano le stesse componenti, a quelle Apple; nel caso dovesse accadere che Psystar ne uscisse vincitrice ci sarebbe la possibilità  per i clienti che hanno comprato le nostre macchine di installare in autonomia Mac Os. Abbiamo pubblicato così quel messaggio; ci siamo poi resi contro alla luce di tutto quanto è accaduto e potrebbe accadere che si trattava di un messaggio erroneo e fuoriviante. Per altro da quel che vediamo pensiamo anche che al momento sia piuttosto difficile che Psystar esca vincitrice dal confronto legale».

Su YouTube sono però apparsi dei filmati con macchine Evo che facevano girare Mac Os… «Non sono macchine nostre. O, meglio, sono dei prodotti nostri ma differenti da come le abbiamo vendute. Sono state modificate per far girare il sistema operativo di Apple; potrebbe trattarsi di uno dei due sistemi che abbiamo spedito in prevendita a clienti che li avevano prenotati telefonicamente. Ma questo è stato fatto contro la nostra volontà  e al di là  del nostro controllo. Ci dissociamo da questa operazione e abbiamo anche chiesto a Youtube la rimozione del filmato che anche voi di Macity avevate linkato»

Quindi non solo non venderete macchine con Mac Os X preinstallato, ma neppure macchine “predisposte” con i bootloader che permettono di installare il sistema operativo di Apple? «àˆ esattamente così; lo abbiamo detto anche gli avvocati di Apple che ci hanno contattato e lo ribadiamo anche ai lettori dei Macity. àˆ del tutto ovvio che se qualcuno volesse comprare le nostre macchine e usare quei software per far girare Mac Os lo potrà  fare, come lo può fare su qualunque altra macchina anche di produttori di primaria importanza, ma non saremo noi a procurare questo software. Tantomeno forniremo informazioni su come farlo. Rispettiamo la licenza di Apple e fino a quando non ci saranno pronunciamenti legali, ufficiali e di fonte attendibile contro questa licenza intendiamo andare avanti su questa strada».

Quindi il vostro business su che cosa si incentrerà ?
«Quando il 28 novembre apriremo le porte del nostro negozio – chiude De Renzi – venderemo macchine con disco vergine, completamente vuoto. Poi se qualcuno lo desidera potrà  comprare Windows e Linux Ubuntu con sovrapprezzo. Se qualcuno vuole Mac Os X, almeno per quel che ci riguarda, deve comprarsi un Mac»