Il 2003, l’€™anno più nero per l’€™IT

di |
logomacitynet696wide

Anche per IDC il 2002 sarà  l’€™anno peggiore della storia per l’€™IT. Prospettive meno negative per i prossimi anni, ma la crescita in doppia cifra resterà , forse per sempre, un miraggio

Anche per IDC il 2002 potrebbe rivelarsi come il peggior anno di sempre per il mondo dell’€™IT.

La società  d’€™indagini di mercato, infatti, prevede per l’€™anno in corso una chiusura con un indice di crescita negativo del 2,3%, in totale contrasto con la media degli ultimi 20 anni nel corso dei quali la spesa per i beni dell’€™elettronica e dell’€™informatica era aumentata ad un ritmo del 12% medio in ciascun anno.

A contribuire al calo del fatturato troviamo al primo posto l’€™abbattimento delle vendite dei PC e dei sistemi informatici in genere. I computer caleranno del 9,3% nel fatturato, peggio andrà  nel campo dell’€™archiviazione (-10,6%) e anche il mercato delle reti non sarà  entusiasmante (-7,6%).

I prossimi anni la crescita ci sarà , ma non raggiungerà  l’€™esplosività  fatta segnare in passatto. Il mercato dell’€™archiviazione, ad esempio, non arriverà  ai livelli del 2001 se non nel corso del 2006 e l’€™intera IT non raggiungerà  i picchi di oltre il 20/30% fatti segnare nel corso del 1999, ad esempio e i profitti, trascinati al ribasso dalla battaglia sui prezzi, resteranno bassi.

Prospettive positive giungono dai mercati meno sviluppati, come l’€™America Latina e il lontano Oriente. L’€™Europa continuerà  la sua rincorsa agli USA con diversi anni in positivo.

Per quanto riguarda i computer, però, la crescita a livello mondiale ci sarà , ma durerà  poco. Secondo IDC già  il 2004 sarà  un altro anno in negativo per chi si occupa della costruzione e della vendita di PC