La più grande novità  di Apple? Il ritorno del vero Steve Jobs

di |
logomacitynet696wide

Niente iTablet e nemmeno un touch con fotocamera ritenuto scontato da mesi. Le novità  di Apple non mancano ma quella più importante è senza dubbio il ritorno di Jobs. Il Ceo più famoso del mondo è ancora magro ma nella presentazione di questa sera è apparso in buona forma fisica e con la consueta carica di energia tipica dei momenti migliori.

La novità  più grande dell’evento di questa sera di Apple è stata svelata nei primissimi istanti della diretta video da San Francisco quando sul palco è apparso, inatteso, Steve Jobs. Alcuni, pochi, avevano anticipato il suo probabile ritorno sul palcoscenico, più che una previsione o una indiscrezione sarebbe corretto definirla una speranza. Steve Jobs ha sempre amato l’effetto sorpresa e questa volta la vera sorpresa dell’evento è stato lui stesso. Con un sorriso un po’ sornione ma senza dubbio soddisfatto, sempre molto discreto, Jobs ha gestito con il suo inconfondibile stile gran parte delle presentazione. E’ ancora magro, ma meno di come lo si è visto l’ultima volta che è apparso in pubblico. Jobs è apparso in forma e in grado di trascinare come sempre la folla, senza mostrare tentennamenti o affaticamenti, piuttosto evidenti e anche allarmanti prima della sua lunga assenza.

Non è apparso per nulla in difficoltà , anzi. Gli appassionati ricordano l’evidente stanchezza fisica, la spossatezza del Ceo evidente in tanti piccoli dettagli prima dell’assenza per il trapianto. Invece di tenere la scena tutta per se si era fatto ricorso a diversi altri dirigenti Apple che a turno lo sostituivano, pur trasmettendo la solita carica di energia era evidente lo sforzo per tenere il palco. Ogni movimento ogni sessione costava fatica: spesso era necessaria una pausa per bere. Tutto questo è per fortuna un ricordo del passato. Jobs è apparso in forma, brillante: lo spirito è tornato quello di sempre così come la carica di energia. Le condizioni fisiche sono apparse decisamente migliori rispetto ai mesi scorsi e di questo passo, tra non molto, potremmo anche rivedere un Jobs con qualche chilogrammo in più. Per buona pace dei catastrofisti che, nella migliore delle ipotesi, prevedevano un meritato ritiro definitivo del Ceo.

Nel finale è arrivato anche un cenno importante, forse il più interessante sul futuro di Jobs. Dopo avere elogiato chi “nel corso della sua assenza ha diretto ottimamente l’azienda”, il Ceo ha rinviato tutti ad una prossimo incontro che si terrà  “presto”. Un dettaglio di non poco conto perché non solo significa che Cupertino potrebbe avere qualche altra cosa da annunciare, ma soprattutto perché Jobs conta di essere presente e di guidare, come ha fatto oggi, la presentazione. Si tratta della più netta smentita a chi ipotizzava anche oggi, durante l’apparizione del Ceo, che questa sarebbe stata l’ultima volta di del fondatore di Apple sul palco; che si trattasse, insomma, di una sorta di commiato.

Invece pare proprio che Jobs sia tornato per restare, per continuare a innovare e stupire il mondo come ha fatto nel corso degli ultimi anni.

jobs