MACWORLD: iTunes, il Mac come un juke box

di |
logomacitynet696wide

In molti chiedevano un’applicazione in grado di creare CD musicali, Apple ha fatto molto di più, ha realizzato iTunes e lo ha regalato ai suoi utenti. Ecco come funziona e da dove scaricarlo.

Chi chiedeva a gran voce l’introduzione di una applicazione consumer che fosse in grado di rilanciare Apple, spesso indicava tra questi prodotti un pacchetto per la gestione dei sempre più popolari files in MP3.
La risposta Apple l’ha fornita con iTunes. Il software, costruito sulle fondamenta di SoundJam come è facile intuire leggendo le specifiche e cogliendo i cenni presenti nel ReadMe, in realtà  fa molto di più che gestire, come un juke box, i files in MP3. Vediamo le caratteristiche principali.
In primo luogo iTunes è in grado di importare un numero illimitato di tracce audio e di convertirle in MP3. Altri prodotti, como lo stesso SoundJam, compiono questa operazione solo in versioni a pagamento. La codifica viene attuata basandosi sul velocity engine ed è quindi molto rapida. iTunes, una volta installato, scandaglia il disco alla ricerca di files in MP3 presentando una lista di quelli a disposizione. iTunes è anche in grado di connettersi ad Internet per riprodurre le stazioni radio presenti sulla rete sia queste trasmettendo in diretta sia presentino una selezione preregistrata di musica; iTunes fornisce una riproduzione in streaming di quanto trasmesso e permette anche il dowload di files in MP3.
La funzione più potente e interessante di iTunes è però la capacità  di organizzare e masterizzare le compilations in CD. Se usato in abbinamento a CD Burner, una applicazione scaricabile dai siti Apple e fornita gratuitamente, iTunes masterizza facilmente e in maniera intuitiva CD e CD-RW. Unico dettaglio discutibile il fatto che iTunes è in grado di gestire per questa funzione solo i masterizzatori interni di Apple e non i diffusissimi masterizzatori esterni.
Jobs nel corso del keynote ha evidenziato che in futuro potranno essere supportate altre periferiche utilizzando particolari plug in. Fino ad allora iTunes, almeno per la masterizzazione, può essere usato solo da chi possiede una delle nuove macchine di San Francisco.
Infine iTunes si connette anche ad alcuni MP3 players caricando e scaricando canzoni.
Nella notte abbiamo potuto provare iTunes e l’impressione generale è di un prodotto curato sotto ogni profilo, da quello delle funzioni a quella dell’interfaccia (totalmente affine a quella di MacOs X) a quella delle funzionalità .
iTunes al momento è disponibile solo in lingua inglese ma da febbraio, promette Apple, verrà  rilasciato anche in Italiano.