Microsoft e Apple: fuoco incrociato su Flash

di |
logomacitynet696wide

Microsoft fa sapere che Internet Explorer 9 supporterà HTML5 e gli standard video abbracciati da Apple con  Safari. Redmond siede dalla parte di Cupertino anche nelle critiche a Flash che sarebbe poco affidabile ed insicuro.

Internet Explorer 9 supporterà lo stesso tipo di video per il web 2.0 che Apple ha deciso di implementare con HTML5 per Safar. Si approfondisce quindi la divisione nello standard aperto per il web interattivo “open”, collocando Microsoft dalla parte di Cupertino in contrapposizione ad Adobe e al suo Flash Player.

La decisione di Microsoft è stata annunciata in “sordina”, nel blog degli sviluppatori di Internet Explorer: Dean Hachamovitch, responsabile del prodotto IE, ha infatti dichiarato che il supporto nativo offerto da IE9 sarà solo per H.264. Ciò ovviamente non toglie che possano essere sviluppati dei plug-in di terze parti che consentano di utilizzare anche l’altro standard video, cioè Ogg Theora. Lo stesso vale anche per Apple e Safari (dove con Perian ad esempio è possibile, tramite QuickTime, visualizzare entrambi i formati).

La decisione di Microsoft, che significa che la futura versione di Explorer consentirà di riprodurre video così codificati, senza bisogno di plug-in o estensioni, così come accade in Safari e altri browser, si contrappone a quella della piccola Opera e soprattutto di Firefox, che hanno scelto invece di sponsorizzare l’utilizzo di Ogg Theora. La ragione della scelta di Microsoft è legata sia alle migliori performance di H.264, alla presenza di numerosi decoder hardware integrati nelle schede video più diffuse, e al fatto che molti formati di produzione del video, che poi viene caricato sul web, sono nativamente di quel tipo. Senza contare ovviamente il peso di Google con il suo YouTube, che già da tempo utilizza la doppia codifica Flash e HTML5 sperimentale con H.264.

Firefox, la cui retrostante fondazione Mozilla non ha pagato i 5 milioni di dollari di fee necessari a licenziare la tecnologia H.264 dal punto di vista del player, non sarà invece direttamente in grado di utilizzarlo. Per questo in una nota la fondazione Mozilla ha stigmatizzato la scelta di Microsoft. Google, invece, tramite il suo Chrome supporta entrambi gli standard. E in più Google stessa si è dotata di un terzo standard, acquistando ON2 Tech, che potrebbe riaprire nuovamente le danze degli standard per HTML5.

Non manca nel blog ufficiale Microsoft qualche stoccata diretta a Flash di Adobe che sarebbe “poco affidabile, insicuro e non offre prestazioni adeguate”. Microsoft afferma, in ogni caso, anche di aver lavorato con Adobe per cercare di risolvere vari problemi e anche che ad ogni modo rimane una tecnologia utile per offrire al consumatore una buona esperienza del web. Non va dimenticato neppure che Microsoft ha creato Silverlight, un concorrente diretto di Flash.