Microsoft all’inseguimento di Google Print

di |
logomacitynet696wide

La casa di Bill Gates si accorda con la British Library. Venticinque milioni di pagine saranno digitalizzate per il servizio MSN Book Search. L’obiettivo è rispondere, colpo su colpo, all’offensiva partita da Mountain View, che sta rendendo sempre più attente tantissime società  anche in settori differenti come Wal-Mart.

L’annuncio di Microsoft è semplice: accordo con un “provider” di contenuti, cioè la British Library, per digitalizzare un quantitativo notevole di pagine di libri: 25 milioni, pari a 100 mila libri. L’obiettivo è inserirle nel database di MSN Book Search, il servizio di Microsoft che fa concorrenza a Google Print.

In realtà , la bagarre per i contenuti cartacei, che dovevano scomparire da un decennio secondo gli alfieri della New Economy oggi evaporata, è sempre più forte. Anche Amazon ha annunciato il suo servizio non solo di ricerca dei contenuti di molti dei libri in vendita, ma anche di acquisto a “piccole tranche” (poche pagine per volta, magari solo quelle che interessano).

In più, Google, la società  che in sette anni ha stracciato molti record di capitalizzazione in Borsa e poi di innovazione nel mercato, secondo il New York Times sta attirando anche una attenzione non prevista da parte di aziende al di fuori del settore della tecnologia. Si tratta di Wal-Mart (la popolare catena di grande distribuzione statunitense) e altre società  che vedono nella possibilità  pervasiva di cercare i contenuti sulla rete una minaccia al loro business. Il consumatore che cerca migliori affari tramite Google può infatti evitare di andare a comprare da Wal-Mart privilegiando altri negozi. Un rischio già  concreto.