Os X, bello ma insicuro?

di |
logomacitynet696wide

Il nuovo sistema operativo di Apple è bello e solido, ma anche potenzialmente insicuro. Lo sostengono alcuni esperti del settore che consigliano Apple: “Si rivolga al movimento OpenSource per chiudere le possibili falle”. Ma il matrimonio tra gli sviluppatori indipendenti e Cupertino vive oggi un momento di incertezza

Con l’introduzione di MacOs X potrebbe essere costretta a cambiare la prospettiva degli utenti Mac sulla sicurezza. Fino a ieri, grazie al fatto che la base su cui è fondato il MacOs tradizionale, è relativamente sconosciuta al mondo dei pirati, il mondo della Mela ha potuto dormire sonni tranquilli. Ma ora con una base Unix le cose potrebbero ben presto diventare preoccupanti.A sostenere questa tesi è il giornale per eccellenza tra quelli dedicati alle nuove tecnologie e all’informatica, Wired, che a conferma delle sue testi porta una serie di interviste ad esperti del settore che indicano nella decisione di andare verso l’Open Source uno dei punti di debolezza ma anche di forza del nuovo Os.”Secondo un comune modo di vedere le cose – dichiara a Wired Chuck Wade a capo del settore ricerca sulla sicurezza di CommerceNet – più un sistema operativo è noto nei suoi fondamenti, più diventa sicuro. Questo perchè è più facile che un problema di sicurezza sia individuato e risolto. Ma perchè questa norma si applichi è indispensabile bisogna che il mondo dell’Open Source si senta rispettato e valorizzato da chi chiede il suo aiuto”. Una regola che secondo alcuni sviluppatori OpenSource Apple non starebbe applicando e la dimostrazione sarebbe nei continui interventi deglia avvocati di Cupertino che hanno chiuso progetti come quello che stava sviluppando una serie di Temi da applicare all’interfaccia del MacOs. In più il movimento OpenSource ha ricevuto risposte negative da Apple alla richiesta di affidare al movimento degli sviluppatori indipendenti anche il codice sorgente di TrueType e QuickTime. Il risultato è che molti degli “apostoli” del movimento ora diffidano di Apple ritenendo addirittura che dopo avere rilasciato MacOs X la società  di Jobs non abbia più alcun interesse a lavorare con gli sviluppatori indipendenti.Ma al di là  del discorso OpenSource quello su cui in molti paiono concordare è che MacOs X sia un sistema operativo da trattare con le molle se si vuole avere sicurezza nella gestione dei propri sistemi. Oltre alla base su cui è costruito l’Os, Secondo Wired, aprono alla possibilità  di attacchi di hackers i settaggi del sistema operativo che in se sarebbe anche piuttosto solido dal punto di vista dell’accessibilità , ma che può essere indebolito dalle operazioni che su di esso vengono compiute dagli utenti.E che gli utenti Mac si stanno cominciando a preoccupare dalla sicurezza dei loro sistemi operativi lo prova il numero degli accessi a SecureMac.com, un sito dedicato all’argomento che ha triplicato il numero delle visite dal momento del rilascio di MacOs X