Recensione OxyLED MD22, torcia mini dalla luce maxi

di |
la torcia, ecco quanto è grande in mano

Macitynet mette alla prova OxyLED MD22, una mini-torcia con batteria ricaricabile per dare luce alle passeggiate notturna: ed entra in un taschino

Se leggete Macitynet vi sarà probabilmente capitato di imbattervi la nostra recensione sulla OxyLED MD50, una efficiente torcia led da 500 lumen che ha riscosso un importante successo per via del suo quasi imbattibile rapporto qualità/prezzo.

Allettati delle interessanti opportunità – nel nostro caso prevalentemente fotografiche – che questo genere di prodotto è in grado di offrire, ci siamo guardati intorno per scoprirne un’altra, più piccola, ma che sulla carta sarebbe potuta costituire una alternativa. Stiamo parlando della OxyLED MD22, versione in miniatura della stessa torcia che, in un corpo molto più compatto e tascabile, ha dimostrato di essere all’altezza, illuminando ampie porzioni di spazio senza farci in molti casi rimpiangere la sorella maggiore, con cui l’abbiamo anche messa a confronto in qualche test.

Recensione OxyLED MD22

Com’è fatta

La OxyLED MD22, come accennato, è simile alla più grande MD50 fin dai materiali. Arriva all’interno di una scatola – abbastanza grande in rapporto alle dimensioni della torcia – ben alloggiata in alcuni scomparti ritagliati da uno spesso strato di gommapiuma, dove trovano posto anche una batteria ricaricabile di tipo 14500 (di poco più grande rispetto ad una comune stilo AA) da 1.200 mAh ed un caricatore per quest’ultima.

L’alimentatore ha una forma del tutto particolare. E’ molto compatto, questo perché incorpora una spina italiana a scomparsa, che si piega di 45 gradi e si nasconde nel corpo quando non è in uso. Anche l’inserimento della batteria nell’apposito alloggiamento è gestito da un sistema a molla che permette così di collegare e ricaricare qualsiasi tipologia di batteria, anche quella più grande 18650 che troviamo invece nella OxyLED MD50 già citata più volte in precedenza.

Se questo è un vantaggio, l’unico punto a sfavore che segnaliamo nell’acquisto della batteria riguarda proprio la tipologia di spina il cui inserimento risulta in qualche caso difficoltoso per via del fatto che, alla minima pressione, potrebbe chiudersi di scatto. L’impressione è che potrebbe rompersi da un momento all’altro anche se dobbiamo ammettere che, fino ad oggi, l’abbiamo utilizzato per ricaricare la batteria molte volte senza ancora alcun minimo segno di cedimento.

La torcia, come anticipato, è realizzata in alluminio di ottima fattura. La superficie è satinata, piacevole al tatto e ben rifinita; in vetro è invece la copertura convessa del chip LED di tipo Cree, mentre la copertura dell’unico tasto ON/OFF/function è in gomma di un appariscente colore arancione.

Pagine: 1 2 3

  • ErgoCarlo

    presa al volo.

  • Drill

    Ma la MD50 non la vendono più?

  • Federico Facchinetti

    Sembra proprio che me la prenderò. Quando devo andare al parco con i cani potrebbe tornarmi utile.
    Non tanto per trovare i cani, in quanto dotati di collare luminoso, ma per non schiacciare le merde che padroni incivili lasciano sul prato!