Recensione Mediacom SkiMask HD, la maschera da snowboard con action camera integrata

di |
Recensione Mediacom SkiMask HD

Macitynet mette alla prova Mediacom SkiMask HD, la maschera da sci che registra video e scatta foto durante la discesa in montagna: ecco come ci è sembrata

Ultimamente le action camere stanno spopolando per il semplice motivo che, grazie a questi piccoli dispositivi, è possibile riprendere scene d’azione o di semplice vita quotidiana da un punto di vista puramente soggettivo. La facilità di utilizzo (non è richiesta alcuna competenza riguardo l’acquisizione di video), parallelamente al prezzo che negli ultimi anni è sceso sensibilmente, ha attirato una vasta fetta di mercato di utenti consumer che desiderano registrare i video delle proprie vacanze portando a casa un ricordo che diventa così ancora più indelebile.

Nelle ultime settimane, oltre alle più comuni action camere che sci ispirano alla forma, le dimensioni e l’utilizzo della celebre GoPro con tanto di compatibilità negli accessori, abbiamo avuto modo di provare anche qualche action camera di produttori che hanno azzardato un impiego del tutto nuovo. Basti pensare agli SportGlass HD di Mediacom che sostanzialmente integrano una videocamera all’interno di quello che all’apparenza sembra un comune paio di occhiali da sole. La stessa azienda si è spinta anche oltre installando una videocamera anche nella SkiMask HD che è, a tutti gli effetti, una maschera da snowboard. Visto il periodo ed il clima l’abbiamo messa alla prova durante qualche giro in moto analizzandone il confort e la qualità/modalità di ripresa.

Mediacom SkiMask HD com’è fatta

La maschera viene venduta all’interno di una confezione da esposizione illustrata, con un ampia apertura trasparente che permette di dare uno sguardo al prodotto anche prima di aprire la scatola. All’interno, insieme al manuale delle istruzioni in italiano ed inglese, troviamo il cavo miniUSB per la ricarica, gli occhiali con la mascherina a specchio già montata, ed una arancio-trasparente da cambiare all’occorrenza.

Presa in mano dà tutta l’impressione di essere un prodotto davvero ben fatto. Pesa all’incirca 255 grammi, la struttura è molto solida, in plastica dura con rifinitura gommata. Comodo – lo confermano i nostri test più avanti – è anche il nasello, nello stesso materiale gommato della struttura. La gommapiuma che entra a contatto con il volto è molto gradevole e si adatta perfettamente alla forma del viso, la fascia elastica è spessa e di ottima qualità, così come le due giunture in pelle e le cuciture che sembrano poter durare nel tempo anche a seguito di strattoni e torsioni.

Se non fosse che sul retro, esternamente alla fascia, trova posto anche un cavo a molla che collega la videocamera all’alimentazione, difficilmente ci si accorgerebbe che in realtà questa maschera ha, sul lato destro (sinistro per chi la guarda di fronte), una videocamera. Da questo lato troviamo, sull’area inferiore, uno sportello ermetico ed impermeabile che protegge l’ingresso della microSD e l’ingresso miniUSB per la ricarica degli occhiali. Dal lato opposto, due pulsanti per controllare l’accensione e l’acquisizione di foto e video.

Pagine: 1 2 3

  • Luchino

    durata della batteria?

    • Ciao, circa due ore :))

      • Luchino

        Troppo poco per una giornata sulle piste 🙁

        • Considera che più o meno tutte le action cam offrono 1,5-2 ore di autonomia. Con alcune puoi cambiare la batteria, sicuramente è una soluzione più pratica, c’è comunque da dire che questa puoi ricaricarla al volo tra una discesa e l’altra o nei momenti di riposo con una qualsiasi batteria d’emergenza.

          • Luchino

            Il problema è questo, avendo una sola settimana l’anno a disposizione per sciare, in quei 6 giorni sono il primo a prendere la funivia e al ritorno apro la strada al micione delle nevi. Fermandomi solo il tempo di un panino è più facile sostituire una batteria che ricaricarla, anche perché entrerebbero in gioco i tempi di ricarica in cui rimarrei bloccato in attesa. a meno che non scio senza maschera… L’idea delle maschere è ottima, sono le batterie ad oggi che non stanno al passo. Lo stesso vale per gli “orologi” che si e no coprono una giornata. È come comprare un Ferrari con il serbatoio di un Ciao