Explorer è il prodotto tecnologico più influente degli ultimi 25 anni

In un sondaggio di CompTIA, poco meno di 500 professionisti IT hanno posizionato il browser di Microsoft in cima alla lista dei prodotti tecnologici più influenti dell'ultimo venticinquennio. L'unico prodotto della Mela presente in classifica è iPod: solo quarto, ma il più giovane della top ten.

Il prodotto tecnologico più influente dell’ultimo quarto di secolo? Internet Explorer! Ebbene, forse un po’ a sorpresa, un sondaggio condotto fra maggio e giugno scorsi dall’associazione CompTIA su 471 esperti IT, ha nominato il browser di Microsoft la tecnologia più influente degli ultimi 25 anni: il 66% degli interrogati ha scelto Internet Explorer.

Questo può far capire quanto il vituperato applicativo di Redmond abbia fatto breccia nel cuore del pubblico, raggiungendo nel 2003 addirittura il 95% di penetrazione del mercato browser e detenendone ancora oggi circa il 66,5%, nonostante l’avanzata di Firefox.
Tant’è che per molte persone Internet è ancora rappresentato proprio dall”icona di Internet Explorer.

Microsoft raccoglie anche le successive tre posizioni, con in ordine Microsoft Word (56%), Windows 95 (50%) e Microsoft Excel. Quest’ultimo si piazza a pari merito con l’unico prodotto Apple presente fra i primi dieci, ovvero l’iPod, che ha raccolto il 49% dei consensi.
Chiudono la top 10, sempre in ordine, il Black Berry (39%), Adobe Photoshop (35%), MacAfee VirusScan (32%), Netscape Navigator (31%) e Palm Pilot (31%).

E’ da notare come iPod risulti fra tutti il prodotto più giovane: lanciato nel 2001, porta sulle spalle solamente 6 anni di vita, sufficienti a superare in popolarità  prodotti ben più “anziani” come Adobe Photoshop – la cui prima versione risale al 1990 – o lo storico Netscape Navigator, nato nel 1994.

Molto più stagionati invece i quattro prodotti Microsoft, il più giovane dei quali è proprio Internet Explorer, la cui prima release risale al 1995, mentre Word ed Excel mettono le radici nei lontani (informaticamente parlando) anni ’80.