Tre giornate per celebrare i 100 anni del di Guglielmo Marconi

Guglielmo Marconi, creatore della radio, viene ricordato in concomitanza con il centenario del massimo premio che si possa assegnare in campo scientifico. La tre giorni romana inizia il prossimo 9 novembre, prosegue l’11 dicembre e si conclude con una terza data del 28 gennaio 2010.

Sono state istituite dal governo tre giornate di studi “Marconiani” per celebrare i cento anni dall’assegnazione del premio Nobel a Guglielmo Marconi. Le giornate saranno organizzate dalla Fondazione Bordoni, con l’Alto patronato del Presidente della Repubblica e si terranno a Roma.

In particolare, verranno coinvolti tre luoghi storici della politica e delle istituzioni della Capitale: il prossimo 9 novembre la prima giornata di studi si terrà  nella biblioteca Spadolini del Senato della Repubblica, a seguire l’11 dicembre la seconda giornata si terrà  nella Sala Protomoteca in Campidoglio e infine la terza giornata di studi si terrà  il 28 gennaio nella Sala della Lupa della Camera dei Deputati.

La partecipazione di esperti prevista è di tutto rispetto: ci saranno infatti per celebrare il centenario dell’assegnazione del premio Nobel ben 70 relatori di 10 paesi e 11 tra università  diverse, oltre agli immancabili rappresentanti delle istituzioni e del mondo delle imprese soprattutto legato alle telecomuncazioni.

Marconi, giova ricordarlo, vinse nel 1909 il premio Nobel assieme a Karl Ferdinand Braun, uno dei fondatori della Telefunken. Aveva però solo 21 anni quando nell’avita villa Griffone a Pontecchio (Sasso Marconi) trasmise un segnale radio da un lato all’altro di una piccola collina (che faceva velo alle due postazioni). Nato nel 1874 d padre emiliano e madre irlandese (e l’essere bilingue lo facilitò molto nella creazione di imprese a cavallo dell’Europa e degli Usa) morì a Roma nel luglio del 1937.