HomeMacitySoftware / Mac App StoreViaVoice in Italiano, ancora no

ViaVoice in Italiano, ancora no

“ViaVoice per Mac in Italiano? Stiamo valutando la possibilità , ma al momento non ci sono progetti precisi nè date, né certezze”. La risposta della marketing manager dei prodotti di riconoscimento vocale di IBM era cauta, ma il fatto che sia la stessa che abbiamo ricevuto lo scorso anno a New York e poi a San Francisco certo non suscita grandi speranze sulla conversione per la nostra lingua del popolare software.
“Il problema che ci dobbiamo porre quando si tratta di localizzare un prodotto è il target di mercato che vogliamo raggiungere e la possibilità  di recuperare l’investimento – ci hanno spiegato allo stand di IBM – nel caso di ViaVoice siamo di fronte ad un prodotto molto complesso nel quale la localizzazione non significa traduzione di qualche menù ma di una ingegnerizzazione complessa a livello profondo del sistema”. “Ma non utilizzate librerie già  presenti nella versione Windows -, abbiamo chiesto – quella già  esiste in Italiano”. “La versione per Mac poggia solo in minima parte sull’architettura per Windows – è stata la precisazione – realizzare una versione in Italiano di ViaVoice per Mac è più semplice partendo dalla versione in Inglese americano. E questo è comunque molto complesso”.
IBM comunque non esclude alcuna possibilità  futura. “Dai dati in nostro possesso sappiamo che al momento una versione nella vostra lingua non sarebbe economicamente conveniente, ma non è detto che non lo diventi in un futuro prossimo. La valutazione dei dati di mercato nella nostra divisione è continua; non facciamo piani di business annuali o semestrali”.

Offerte Speciali

macbook pro 16 in sconto su amazon

MacBook Pro M1 16 da 1 TB su Amazon risparmiate quasi 400 Euro sul modello top

Su Amazon comprate in sconto il top di gamma dei MacBook Pro 16" disponibili online senza personalizzazion. Sconto del 10%, pagamento a rate senza interessi né garanzie e spedizione immediata.
Articolo precedenteMWNY 2001: un arrivederci.
Articolo successivoAAPL, continua la debolezza
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità

Iguida

Faq e Tutorial