Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Finanza e Mercato » Acquisizioni Apple, Cupertino cerca uno specialista che le coordini

Acquisizioni Apple, Cupertino cerca uno specialista che le coordini

Per le acquisizioni Apple cerca uno specialista che faccia da trait d’union tra i vertici e si occupi degli aspetti organizzativi. È quanto si apprende da un annuncio per la ricerca del personale, pubblicato sull’apposito sito aziendale.

Il professionista, un Acquisition Integration Analyst, dovrà occuparsi delle transazioni, identificando ruoli e responsabilità dei team e assistendo nell’aiuto “di grandi e più complesse transazioni”, destreggiandosi con la divisione legale, immobiliare, con le operazioni finanziarie e di contabilità, lavorando probabilmente di concerto con Adrian Perica, a capo della divisione Mergers and acquisitions della casa di Cupertino.

La scelta di nominare un coordinatore che si occuperà specificatamente di tutti gli aspetti pratici delle acquisizioni, è la testimonianza che quest’aspetto della crescita del proprio patrimonio intellettuale e in fatto di tecnologie e brevetti, è diventato molto importante; anche se fino ad oggi Cook non ha mai dato disposizione di comprare grandi realtà, al contrario di altri big della Silicon Valley (Facebook ha acquistato Instagram e WhatsApp, Google ha comprato Nest, Rukuten ha incorporato Viber), sono stati innumerevoli le piccole realtà finite sotto l’ala protettiva della Mela, alcune di queste ora assolutamente strategiche, come Authentec i cui brevetti hanno permesso di realizzare TouchId, o Siri che era una società indipendente che produceva una sua specifica applicazione.

Nel corso dell’ultima assemblea con gli azionisti, Cook ha spiegato che Apple ha acquisito 23 aziende negli ultimi 16 mesi. Alcune di queste non è dato sapere quali sono, altre si conoscono e saranno sfruttate per migliorare servizi e prodotti esistenti; Burstly, ad esempio, sarà sfruttata per migliorare prodotti destinati agli sviluppatori, Snappy Labs per offrire funzionalità che permetteranno di scattare foto in sequenza rapidamente e aumentarne la risoluzione senza diminuire la velocità di memorizzazione. Apple ha spiegato agli azionisti di aver speso lo scorso anno in acquisizioni 9,45 miliardi di dollari, una cifra superiore a quanto speso da Google: 8,81 miliardi di dollari. Proprio questo grande numero di acquisizioni, una vera costellazione, potrebbe essere la ragione che spinge Apple a dotarsi di un coordinatore.

In ogni caso CEO ha anche detto chiaramente che non esclude in futuro di fare operazioni anche molto più importanti staccando assegni “con tanti zeri” se si presenterà l’occasione e l’obiettivo fosse giudicato strategico e appetibile. Da parte loro molti importanti azionisti spingono Apple a essere più aggressiva e coraggiosa: con in cassa più di 150 miliardi di dollari, molti di loro si chiedono se Cook non debba fare a sua volta qualche offerta importante. 

Acquisizioni Apple

 

 

 

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Airtag già in vendita su Amazon

Airtag resta al minimo da mesi, 24,75€ euro l’uno

Su Amazon l'Airtag singolo va al minimo storico. Solo 24,45 € l'uno se comprate la confezione da 4.

Ultimi articoli

Pubblicità