Aggiornamento sicurezza “Security Updater 2006-003”

Non si abbassa l'€™attenzione sull'€™argomento sicurezza in casa Apple. La società  non dimentica i possessori del precedente OS X Panther, rilasciando, così, tra versioni client, server, PPC ed Intel, ben cinque diverse incarnazioni di tale aggiornamento.

Terzo appuntamento annuale con l’aggiornamento specifico per la sicurezza di Mac OS X. Questa volta gli ingegneri di Apple hanno trovato ed eliminato potenziali rischi nelle seguenti componenti:

AppKit
Bom
CFNetwork
CoreFoundation
CoreGraphics
curl
Finder
ImageIO
LaunchServices
Mail
Preview
QuickDraw
Ruby
Safari
securityd

Raccomandiamo di analizzare bene la versione dell’aggiornamento adatta alla propria configurazione. Ad esempio, nel caso delle versioni di Mac OS X Server vengono modificate in aggiunta anche le componenti:

ClamAV
Flash Player Plug-in
FTPServer
MySQL Manager
QuickTime Streaming Server
SecurityServer

(Si osservi che alcune di esse non sono presenti nella versione Server di Mac OS X 10.3.9. Inoltre per quest’ultimo l’updater comprende anche il precedente aggiornamento di sicurezza 2006-002).

Tutti gli utenti sono invitati ad applicare questo updater già  disponibile per tutte le versioni dell’OS (client, server, Mac OS X per Intel e per il precedente Mac OS 10.3.9), variando a seconda della versione specifica da un minimo di 12 MB fino ad un massimo di 42 MB.
Al momento, l’updater si può ottenere dall’apposita pagina che Apple dedica al Security Updater 2006-003, oppure tramite il meccanismo automatico di Software Updater.

Ecco di seguito i link da seguire per ottenere direttamente l’ultima release disponibile del Security Updater:

* Security Update 2006-003 per Mac OS X 10.4.6 (PPC), 12 MB;

* Security Update 2006-003 per Mac OS X 10.4.6 (Intel), 23 MB;

* Security Update 2006-003 per Mac OS X 10.3.9, 27 MB;

* Security Update 2006-003 per Mac OS X 10.4.6 Server, 13 MB;

* Security Update 2006-003 per Mac OS X 10.3.9 Server, 41 MB.

L’applicazione dell’update, interessando parti vitali del sistema, richiede obbligatoriamente il riavvio della macchina.