Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Internet » AI domani ruberà lavoro, intanto oggi aiuta a licenziare

AI domani ruberà lavoro, intanto oggi aiuta a licenziare

State tranquilli perché gli esperti prevedono che AI ruberà il lavoro, ma in futuro: per ora si limita ad aiutare a scegliere chi licenziare. Gli algoritmi, che prima venivano usati per aiutare a scegliere chi assumere, adesso vengono usati per l’obiettivo opposto, ovvero per tagliare i posti di lavoro.

La notizia spunta fuori in un mento cruciale per l’industria tecnologica, che si trova a dover licenziare decine di migliaia di dipendenti. Ed è proprio nei reparti di Google che si sarebbe acceso un campanello d’allarme tra i dipendenti in quali, in una chat online, hanno raccontato il metodo apparentemente irregolare attraverso cui avrebbero ricevuto il ben servito.

Alla base delle loro teorie ci sarebbe «un algoritmo senza cervello, progettato con cura per non violare alcuna legge». L’azienda assicura che per prendere queste decisioni non sarebbe stato coinvolto nessun algoritmo, ma gli ex dipendenti non hanno torto a porsi il dubbio, poiché una flotta di strumenti dotati di intelligenza artificiale si sarebbe recentemente radicata nella loro vita d’ufficio.

L’arte creata dall’intelligenza artificiale non può essere protetta da copyright

Il ragionamento

Pare infatti che i responsabili delle risorse umane utilizzino un software di apprendimento automatico che analizza milioni di dati relativi all’occupazione fornendo consigli su chi contattare, assumere oppure promuovere; e dal 98% dei 300 responsabili intervistati a gennaio si sarebbe appreso che lo stesso software li aiuterà a scegliere chi licenziare «entro l’anno», quindi si stanno chiedendo se in realtà non stia facendo lo sporco lavoro già oggi.

D’altronde le grandi aziende usano spesso software del genere per trovare «la persona giusta per un determinato progetto»: lo spiega Joseph Fuller, professore alla business school di Harvard. Questi prodotti creerebbero «un inventario delle competenze» classificando le persone per tipologia di esperienza lavorativa, certificazioni e competenze in loro possesso. Questi stessi strumenti – scrive il Washington Post – ora vengono usati alla rovescia, per licenziare personale, perché è lì che le persone «hanno un vero inventario di abilità».

Microsoft ha annunciato AI For Health, l’intelligenza artificiale al servizio della ricerca medico scientifica

Un comportamento che non sembra destinato ad estinguersi

Questa dipendenza dal software ha acceso un dibattito sul ruolo che gli algoritmi di intelligenza artificiale dovrebbero svolgere nel privare le persone del proprio lavoro e su quanto dovrebbero essere trasparenti le aziende nel chiarire le regioni che sono alla base di un licenziamento. Secondo gli esperti il rischio è di usare «dati errati» per prendere una decisione che si baserebbe «su qualcosa detto da un algoritmo», seguendolo ciecamente. Il problema – dicono – è che il reparto delle risorse umane è stato «sopraffatto dalla pandemia» e continuerà a usare il software per alleggerire il proprio carico di lavoro.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Airtag già in vendita su Amazon

Airtag al minimo da mesi, 24,75€ euro l’uno

Su Amazon l'Airtag singolo va al minimo storico. Solo 24,45 € l'uno se comprate la confezione da 4.

Ultimi articoli

Pubblicità