Ricarica wireless: la nuova alleanza promette vantaggi per l’industria e gli utenti

Due consorzi concorrenti nel settore della ricarica wireless si sono alleati e opereranno con un unico nome e standard, con ovvi vantaggi per gli utenti finali

Due dei tre maggiori gruppi che si occupano di ricarica wireless hanno deciso di unire le rispettive forze e di raggrupparsi. Si tratta di Power Matters Alliance (PMA) e di Alliance For Wireless Power (A4WP) che hanno siglato una lettera d’intenti in base alla quale opereranno con un unico nome con la speranza di dare una scossa al mercato. Ulteriori dettagli saranno resi noti a metà di quest’anno, ma sembra che a restare solo adesso sarà il Wireless Power Consortium (WPC).

La tecnologia di PMA per la ricarica senza fili della batteria è compatibile con il diffuso standard Qi come quella del Wireless Power Consortium (WPC)  probabilmente il più noto di questo tipo. Secondo Mark Hunsicke, senior director di Qualcomm (membro di A4WP e PMA), i due gruppi in futuro collaboreranno ad ogni modo anche con il WPC. “Siamo pronti, disponibili e ci sono stati dei dialoghi” ha spiegato il dirigente al Wall Street Journal. Oltre a Qualcomm, tra i membri di A4WP troviamo anche Dell, Intel e Samsung. Membri di PMA sono invece AT&T, Duracell, Starbucks, Powermat e altri ancora. Invece tra i membri di WPC ci sono: Asus, Microsoft, Blackberry, Panasonic, LG, Huawei e Toshiba.

PMA & A4WP