fbpx

Finanza e Mercato

logomacitynet1200wide 1

Apple, anno d’oro anche in Europa

Quasi il 50% di macchine in più rispetto all'anno precedente. La Mela conquista anche l'Europa che è ora, e saldamente, il secondo mercato mondiale per Apple.
logomacitynet1200wide 1

Un venerdì nero per il titolo AAPL?

A Wall Street Apple perde il 10%. Si annuncia un venerdì nero per AAPL. Colpa dei dubbi sul comparto informatico ma anche di voci incontrollate su un ritardo nel rilascio del Cubo.
logomacitynet1200wide 1

Giù dalla rupe

Due società di analisi predicono vendite al di sotto delle previsioni per il mondo dei computer e a Wall Street gli investitori scaraventano dalla finestra i titoli tecnologici. Apple ne fa le spese perdendo quasi il 10% nonostante alcuni analisti indichino AAPL come uno dei titoli più promettenti. Ma dietro al calo delle azioni di Cupertino potrebbe anche esserci dell'altro.
logomacitynet1200wide 1

MACWORLD Gli analisti: Il Cubo sara` un successo

Il rilascio del Cubo ha entusiamato il pubblico dell`Expo contagiando anche gli analisti che ora prevedono un successo in stile iMac per il nuovo prodotto di Apple.
logomacitynet1200wide 1

Non c`e` rosa senza spine

Mancano poche ore al Mentre tutti attendono gli annunci dell'Expo di oggi, nel discorso di Fred Anderson di ieri il puntu, dolens è stato il calo delle vendite di iMac. Per fortuna (ma non certo a caso) proprio oggi Steve Jobs dovrebbe far passare in secondo piano una notizia che è piaciuta molto poco a Wall Streetkeynote -rivelatore- ma proviamo a riassumere le ultime voci e mixarle con le sensazioni colte nell'atmosfera del Macworld della costa est.
logomacitynet1200wide 1

Ancora un buon quarto per Apple

Abbiamo seguito il Conference Call di Apple con Fred Anderson sui risultati dell'ultimo quarto fiscale.La sorpresa viene dalla importanza per le vendite delle macchine non consumer soprattutto per gli elevati ricavi che ne sono derivati...
logomacitynet1200wide 1

Non solo Expo

La settimana si caratterizza non solo per l'Expo ma anche per l'annuncio dei risultati fiscali. Il resoconto di Fred Anderson sarà  una sorta di pre-keynote ma quello che conta sarà  anche il momento per sapere se realmente le vendite di iMac si sono fermate. Le previsioni dicono che...
logomacitynet1200wide 1

L’età  dell’oro

Il titolo Apple va su e va giù mentre gli analisti si chiedono che cosa accadrà  nei prossimi cinque giorni segnati dalla dichiarazione dei risultati fiscali e dal keynote di Jobs. Ma fossimo in loro ci chiederemmo che cosa accadrà  da qui alla fine dell'anno sul mercato informatico se Apple rispetterà  le predizioni di chi crede che verrà  interamente e radicalmente rinnovata la gamma.
logomacitynet1200wide 1

Moody’s, debito Apple OK

Che le cose vadano bene per Apple è cosa nota, ma la ratifica di Moody's è come una laurea. La società  di analisi finanziaria sul debito tenuta da paesi e realtà  industriali promuove Cupertino: "Fino ad oggi hanno fatto cose eccezionali".
logomacitynet1200wide 1

Lara cambia casa?

Eidos, inventori di Tomb Raider, cambiano proprietario? Il passaggio di mano del produttore di giochi inglese sembra cosa fatta e a comprare non dovrebbe essere il Signore delle Finestre...
logomacitynet1200wide 1

Il Palm di Sony a settembre

Sony annuncerà  oggi prezzi e disponibilità  del suo palmare che dovrebbe andare in vendita da settembre. Gli analisti: "diventerà  una stazione portatile per il divertimento personale e potrebbe essere l'inizio della vera rivoluzione dei computer da tasca"
logomacitynet1200wide 1

Router con modulo di backup

Non funziona la connessione primaria del vostro router (anche ISDN) e vi arrabbiate? Non fatelo e pensate ad un nuovo prodotto di Netopia che risolve questo problema
logomacitynet1200wide 1

Sorprendente Yahoo

Yahoo, per cui molti avevano già  speso qualche prece in memoria, batte ogni previsione di profitti e riporta ottimismo sul Nasdaq. La New Economy è ben lungi dall'essere morta
logomacitynet1200wide 1

AAPL: razzi accesi

A Wall Street è già  cominciata la corsa al rialzo per il titolo Apple. Gli azionisti ringraziano la coincidenza tra Expo, dichiarazioni finanziarie del quarto fiscale e gli apprezzamenti degli analisti. Nuovi record in vista?
logomacitynet1200wide 1

Arrivare primi va bene, ma poi?

Il Fisco On Line si annunciava come un modo piu' "piacevole" di alleggerire i compiti degli "spremuti" italiani, ma alla prova dei fatti il suo utilizzo si è dimostrato più difficile del previsto e del prevedibile
logomacitynet1200wide 1

Compaq trascina tutti nel fango.

Viene bocciata la Compaq, per avere, tra le altre del settore, il numero piu' alto di giorni di magazzino dei suoi computer, e, le "aquile" di Wall Street, vendono anche tutti gli altri titoli indistintamente.
logomacitynet1200wide 1

ATI, rosso profondo

Al rendiconto finanziario il bilancio di ATI piange lacrime amare. Le perdite sono peggiori del previsto e per il futuro sembrano potersi mettere anche peggio
logomacitynet1200wide 1

Il portafoglio

Il recente assorbimento di Bungie da parte di Microsoft ha suscitato molti commenti (la maggior parte negativi), vediamo quali sono gli investimenti in realtà  del mondo informatico da parte del colosso di Redmond e quali potrebbero essere, quindi, le prossime a "cadere".
logomacitynet1200wide 1

Niente reti concorrenti in WindowsMe: Microsoft ci ripensa

Niente sofware di rete della concorrenza in WindowsMe. "Non serve a chi usa un software per il mercato consumer", dicono alla Microsoft. In consumatori insorgono, l'antitrust alza le antenne e a Redmond ci ripensano.
logomacitynet1200wide 1

AAPL, indetro (quasi) tutta

Tutti l'applaudono, il mercato lo punisce. Dopo i successi del trimestre fiscale a Wall Street invece di salire le azioni di Apple scendono. Perché?
logomacitynet1200wide 1

Risultati fiscali: tutto quello che volevate sapere

Dalle dichiarazioni di Anderson alle reazioni della stampa, dalle ripercussioni sul mercato alle cifre, dal "due per una" di oggi ai G4 di IBM. I risultati di AppleStore, il futuro e futuribile i links. Tutto quello che è stato detto da Apple e dagli altri sui risultati del trimestre fiscale in questo articolo di Fabio Zambelli che ci racconta anche delle difficoltà  di Apple Italia a far omologare Airport e di come nello stivale, dopo anni di oblio, ora tutti vogliano i computers con la Mela.
logomacitynet1200wide 1

La marcia trionfale di Anderson

Più fatturato, più macchine, più dividendi. Non è stata una dichiarazione di risultati fiscali, è stato l'annuncio del trionfo di una strategia di un'icona americana che non finisce di stupire.
logomacitynet1200wide 1

Oggi il meeting degli azionisti

Oggi a Cupertino si tiene il meeting degli azionisti di Apple. In agenda il dibattito sui risultati fiscali e il "due per una" delle azioni. Si prevedono applausi e onori per gli eroi della Mela.
logomacitynet1200wide 1

Nel quarto fiscale l’Europa è regina.

Arrivano i nuovi G4 e i PowerBook e l'Europa diventa la regina delle vendite di Apple nel quarto fiscale. Battuti in termini di crescita percentuale tutti i mercati principali al mondo. Una conferma che nel vecchio continente Apple deve ancora lavorare per affermarsi come macchina di fascia consumer?
logomacitynet1200wide 1

Apple, ancora risultati record. Battute le previsioni

Apple ce la fa di nuovo e batte ancora una volta le previsioni della vigilia. 88 cents invece di 81 per azione, 233 milioni di dollari di profitto e vendite in crescita del 27%. Di record in record la casa di Cupertino vola sempre più in alto.
logomacitynet1200wide 1

Soldi per la Mela

I risultati fiscali sono ormai dietro l'angolo. Saranno la conferma che Apple continua a crescere? Scopritelo leggendo questo articolo e restando sintonizzati su Macity
logomacitynet1200wide 1

AAPL, risultati fiscali da primato

81 cents per azione, fatturato di quasi due miliardi di dollari, vendite di G4 e PowerBook alle stelle. Queste le previsioni degli analisti sul resoconto fiscale del trimestre di Apple che arriverà  domani. Ma c'è anche chi pensa che si tratti di numeri perfino pessimistici e il titolo AAPL schizza in alto del 10% in un solo giorno.
logomacitynet1200wide 1

Nasdaq, Apple rilancia

Dopo la discesa precipitosa dell'altro ieri il titolo Apple risale la china e punta verso l'alto. Per qualcuno è solo un rimbalzo, per altri l'inizio di una corsa che potrebbe proiettare AAPL ben al di là  dei 150 ad azione. Risultati fiscali e Nasdaq permettendo.
logomacitynet1200wide 1

Il Nasdaq punisce Apple (per ora)

Apple -8%, Microsoft -5%, Palm -13%, Akamai -13% Sono solo alcuni dei dati più significativi di una pessima giornata che ha caratterizzato ieri i titoli tecnologici di Wall Street. Ma, almeno per Apple che presenterà  il suo rendiconto fiscale a breve, le speranze per i prossimi giorni sembrano essere meno nere della media del mercato.
logomacitynet1200wide 1

Lo shopping di Al Waleed

400 milioni di azioni di AOL (come dire 2000 miliardi di lire) e Compaq, 100 milioni di dollari in Kodak e Xerox. Questo è rimasto nel cestello del supermercato di Al Waleed Bin Talal dopo il suo ultimo shopping tra gli scaffali dei titoli tecnologici. Il principe saudita, uno degli uomini più ricchi al mondo, è noto per avere un grande fiuto negli affari di borsa e sopratutto per acquistare società  che vengono duramente colpite in borsa ma che mostrano grandi potenziali di crescita. La sua fama si è rafforzata anche grazie alla oculata scelta che fece ormai qualche anno fa quando con Apple in cattive acque acquistò milioni di azioni a 18$ "E ora sono a 140$", dice con giustificata soddisfazione il principe. "Quello che conta è la tempistica giusta - continua il principe - nei giorni scorsi ho comprato azioni con buone prospettive e il cui prezzo aveva raggiunto livelli ragionevoli. Non altrettanto si può dire di altri titoli che hanno ancora prezzi folli. La selezione sul mercato non è ancora finita". Il totale di azioni in titoli tecnologici di Al Waleed (che controlla anche azioni di Mediaset) ammonta a 7,3 miliardi di dollari: circa 15.000 miliardi di lire. (Grazie a Fabio Zambelli)
logomacitynet1200wide 1

Nasdaq: Apple risale la china, Microsoft no

Apple recupera, Microsoft no. Questo il responso della giornata di ieri al Nasdaq che ha visto ancora una volta una seduta piuttosto nervosa chiusasi con un risultato positivo ma solo di poche frazioni di punto. Nel corso degl scambi, ancora una volta, i produttori di Windows sono usciti puniti dagli operatori finanziari che hanno venduto più che comprato le azioni MSFT. Alla chiusura degli scambi il valore era calato di circa 2,5 punti percentuali; AAPL, invece, è risultato in positivo del 2,4%.
logomacitynet1200wide 1

Yo-Yo al Nasdaq

"Record Yo-Yo al Nasdaq". Spiega benissimo il titolo di Wired la giornata di ieri sul listino dei titoli tecnologici della Borsa di New York: prima in positivo di due punti, poi in negativo di 14, alla fine chiusura con un tuttosommato accettabile -2%. Una situazione di estrema volatilità  che non ha riscontri nel passato recente e che ha le sue radici, più che nella sentenza contro Microsoft, nella crescita esplosiva dei titoli della Net Economy che hanno raggiunto valori davvero troppo elevati e in qualche caso addirittura sicuramente sproporzionati rispetto alle loro reali potenzialità  anche in un futuro lontanissimo. Sul Nasdaq sono infatti presenti titoli di piccole e medie aziende con bilanci in rosso o con guadagni scarsi da diversi trimestri che anche dopo lo storno del listino (sceso da quota 5000 a poco più di quota 4000, perdendo qualche cosa come più del 20% in una decina di giorni) valgono più di quanto non siano quotati colossi colossi consolidati da decenni di vita sul mercato, come ad esempio la stessa Apple. E a proposito della società  di Cupertino la giornata di ieri non è stata positiva visto che si è chiusa con un -4,50, ma certo è andata meglio di quanto non ci attendesse dopo l'inizio a -10%. Ha perso ancora anche Microsoft, la cui condanna ha fatto intendere qualcuno forse non molto ingenuamente, sarebbe stata alla base del crollo di ieri. I titoli della società  di Redmond sono stati quotati del 2,54% in meno dopo che lunedì erano già  scesi del 13% bruciando un centinaio di migliaia di miliardi in poche ore.
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,441FansMi piace
95,315FollowerSegui