fbpx
Home Hi-Tech Finanza e Mercato Coronavirus in area G7: 7 su 10 dichiarano che il reddito personale...

Coronavirus in area G7: 7 su 10 dichiarano che il reddito personale è stato (o sarà) impattato

Kantar, azienda specializzata in data management & consulting, ha presentato uno studio internazionale con l’obiettivo di valutare l’impatto del Coronavirus e le reazioni da parte delle diverse società, nei Paesi del gruppo dei G7. I risultati mostrano generalmente livelli molto alti di supporto alle azioni intraprese dal proprio Governo, preoccupazione per la sanità pubblica, una elevata comprensione delle diverse precauzioni da prendere per limitare la diffusione del virus.

Condotto fra il 19 ed il 21 Marzo, lo studio evidenzia che:

  • 7 cittadini su 10 (71%) nei paesi del G7 dichiarano che il Coronavirus ha già impattato sul loro reddito, con l’Italia all’85, US e Canada (75%).
  • Quasi i tre quarti dei cittadini intervistati (73%) sono (molto o abbastanza) preoccupati per la propria salute. Ma ancora di più, 8 persone su 10 (82%) si dichiarano preoccupate per l’eventuale contagio di famigliari ed amici, con una percentuale che arriva al 93% degli intervistati in Italia.
  • I notiziari TV sono considerati la fonte più affidabile per quanto riguarda le informazioni relative al virus in paesi quali Italia, Francia, Germania, Giappone e Regno Unito, mentre per i canadesi è il Governo e per gli Stati Uniti il medico/operatori sanitari.
  • L’isolamento personale in casa è attualmente effettuato dalla maggioranza dei cittadini in Francia (85%), Italia (75%), Canada (67%), USA (64%). In Germania (44%), UK (43%) e Giappone (21%) non è ancora una pratica diffusa
  • E per quanto riguarda l’operato dei Governi? L’Italia è d’accordo (76%), il Canada piuttosto (66% molto o abbastanza) e anche la Francia (61%). Ma purtroppo la lezione di paesi più in difficoltà come il nostro o la Cina (e ora anche la Spagna) non sembrano essere utili: negli USA solo il 53% approva le misure prese dal Governo ed in Giappone addirittura solo il 35%.

“Gli Italiani – riferisce Federico Capeci, CEO Italy, Greece & Israel, Insights Division di Kantar – hanno compreso l’importanza delle misure prese dal Governo per arginare la diffusione del virus e le stanno implementando come richiesto: il sentimento comune è quello di voler fare il proprio compito per riuscire a superare l’emergenza e poter ritornare alla normalità.

Altri interessanti risultati dell’analisi: Il 70% dei cittadini dei Paesi del G7 afferma che il coronavirus ha o avrà un impatto sul proprio reddito familiare. In Italia lo afferma l’82% dei cittadini, rispetto al 76% in Canada, al 74% negli Stati Uniti, al 70% in Gran Bretagna, al 65% in Giappone e Francia e al 58% in Germania.

Tuttavia, tre persone su dieci non si aspettano che il coronavirus abbia un impatto finanziario su di loro personalmente. Questo dato è più alto tra le persone in Germania (46%), Giappone (35%) e Francia (34%). In Italia è solo il 16%.

Coronavirus nei paesi del G7: 7 su 10 dichiarano che il proprio reddito personale è stato (o sarà) impattato

La fonte di notizie più affidabile

la Televisione è considerata la fonte (più affidabile) e in grado di fornire le informazioni più attendibili sul coronavirus in Italia (37%), Francia (33%), Germania (31%), Giappone (46%) e Gran Bretagna (28%).

Percezioni sull’efficacia del Governo e sulla cooperazione internazionale

  • Lo stato dove l’opinione pubblica approva maggiormente le azioni intraprese dal Governo è l’Italia, dove l’impatto del virus sulla salute dei cittadini è attualmente il più pesante. Il 76% dei cittadini in Italia afferma di approvare la risposta del proprio Governo alla pandemia (molto o abbastanza).
  • Alla domanda sulla cooperazione tra paesi in tutto il mondo per fronteggiare la pandemia, il 71% delle persone in Canada la considera molto o abbastanza buona, rispetto al 65% negli Stati Uniti, al 62% in Gran Bretagna, al 54% in Francia, al 45% in Germania e il 37% in Italia e Giappone.

Impatto percepito sul funzionamento e la reazione dei servizi pubblici

I cittadini di Canada, Germania e Gran Bretagna sono più propensi a pensare che i servizi pubblici nel loro paese siano pronti a far fronte all’epidemia e alle sue conseguenze. In Francia sono i più scettici:

  • Il 65% in Canada afferma che il servizio pubblico è preparato molto/abbastanza bene
  • 57% in GB
  • 56% in Germania
  • 47% negli Stati Uniti
  • 44% in Italia
  • 43% in Giappone
  • 33% in Francia

Azioni personali (intraprese) ed efficacia della risposta al coronavirus

  • Il 68% delle persone afferma di aver iniziato a tenere le distanze, niente strette di mano. La percentuale è più alta in Canada (88%) e in Italia (85%) e più bassa in Giappone (28%);
  • Il 27% delle persone afferma di aver iniziato a indossare una maschera. La percentuale è più alta in Giappone (65%) e in Italia (62%)

Tutti gli articoli di macitynet che parlano di Coronavirus sono disponibili da questa pagina.

Offerte Speciali

iPhone 11 Pro 64GB al prezzo minimo storico: solo 969 €, risparmiate 220 euro!|

Torna la grande promozione su Amazon: iPhone 11 Pro 64 Gb scende al prezzo minimo della sua storia. Lo pagate: solo 969 euro invece che 1189 €
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,535FansMi piace
94,161FollowerSegui