EMOJ, al CES 2018 la startup italiana che legge e intepreta le emozioni dei clienti

Emoj

Tra le start up presenti nel padiglione italia all’Eureka Park del CES di Las Vegas, l’italiana EMOJ SRL, società che offre prodotti e servizi innovativi utilizzabili nei campi del customer marketing, neuromarketing e della customer experience management

[banner]…[/banner]

Tra le presenze italiane al Consumer Electronics Show (CES) di Las Vegas quest’anno, l’italiana EMOJ SRL, società che offre prodotti e servizi innovativi utilizzabili nei campi del customer marketing, neuromarketing e della customer experience management.

Emoj offre un Toolbox composto da un insieme di soluzioni hardware (analytics box e reaction box) e software (piattaforma smart) e di servizi integrati. Tali soluzioni sono in grado di catturare e interpretare le “emozioni” del cliente nel punto vendita quando è in prossimità del prodotto o di un brand (analytics box) e proporre delle reazioni come per esempio variazioni di luce, suoni, proiezioni di video e l’attivazione di servizi personalizzati in tempo reale (reaction box).

Ina foto del team Emoji presente al booth nel padiglione Italia all'Eureka Park
Una foto del team Emoji presente al booth nel padiglione Italia all’Eureka Park

La startup anconetana nasce grazie a diverse competenze e professionalità di ricercatori e professori: Marco Matteucci, Luca Giraldi, Andrea Generosi, Roberto Pierdicca, Emanuele Frontoni, Maura Mengoni e Valerio Placidi che hanno avuto l’idea del toolbox.

La piattaforma software è in grado anche di proporre linee guida di progettazione di prodotti, di servizi offerti e degli allestimenti in grado di migliorare in maniera sostanziale l’esperienza di acquisto o di visita. Il fine è quello di catturare l’attenzione del cliente, suscitare empatia e coinvolgimento per creare uno stato di benessere psico-fisico, che lasci un ricordo dell’esperienza vissuta, una memoria piacevole, che faciliti il passaparola e crei quindi un legame duraturo.


Il toolbox proposto può essere utilizzato ogni qualvolta si vuole conoscere perché un consumatore mostra una certa attitudine ad acquistare un determinato prodotto/servizio o possiede un certo comportamento nello spazio del negozio, dello showroom o dello stand espositivo. I responsabili della start up spiegano che è possibile eseguire analisi e proporre soluzioni in tempo reale, un servizio smart di consulenza grazie al quale le aziende possono interpretare i risultati ottenuti e avviare strategie di marketing vincenti. Altri dettagli, a questo indirizzo.

Ricordiamo che quest’anno per la prima volta al CES 2018 è presente una delegazione italiana con le migliori start up Made in Italy riunite nel villaggio italiano, una iniiativa pubblico-privata di cui abbiamo parlato più in dettaglio in questo articolo. Tutti gli articoli e gli approfondimenti del CES 2018 di Macitynet sono invece disponibili a partire da questa pagina.