Home Macity AggiornaMac Gli utenti Xserve continueranno a usare i loro sistemi per anni

Gli utenti Xserve continueranno a usare i loro sistemi per anni

La maggiorparte degli utenti Xserve continuerà a usare i loro sistemi negli anni a venire e non ha intenzione di rimpiazzare con altro il loro hardware almeno a breve termine, nonostante l’annunciata fine della loro produzione da parte di Apple.  A rivelarlo è un sondaggio condotto dall’Enterprise Desktop Alliance (EDA) presso 1200 amministratori IT.

Quando sarà necessario migrare, molti affermano che continueranno a usare Mac OS X Server anziché passare a Windows Server o Linux; altri ancora non hanno ancora preso una decisione in tal senso e sono indecisi sul da farsi. Il 65% degli intervistati afferma ad ogni modo di voler mantenere gli Xserve per almeno due o più anni o fino a quando l’hardware non smetterà di funzionare. Quando dovranno necessariamente passare a un nuovo sistema, la maggiorparte di loro ha affermato che preferirebbe Mac OS X Server per la gestione dei client, anziché Windows o Linux.

Molti amministratori sono indecisi su quale sistema eventualmente migrare per la gestione dei client. Tra il 70% e il 90% degli interpellati al momento usa gli Xserve per amministrare e gestire client Mac e Mac OS X Server è stato finora il sistema di migrazione-target preferito per molti servizi; meno chiari sono i risultati concernenti a quali sistemi passare in futuro per la gestione dei file. Gli intervistati sono equamente divisi: il 26% afferma che migrerebbe i servizi per la gestione dei file su sistemi Windows, il 21% verso Mac OS X, il 20% verso sistemi Linux/Unix;  il 22% si dichiara, invece, ancora indeciso.

I risultati cambiano ampiamente secondo il settore del quale si tiene conto: le piccole imprese (quelle con meno di 100 dipendenti) e il settore educational dell’istruzione elementare e secondaria, sembrano più propensi a eseguire la transizione verso le nuove offerte server con i Mac Mini e i Mac Pro; meno propense, invece, le aziende più grandi e le istituzioni educational superiori. L’Xserve è un hardware-server di livello enterprise, montato su rack e con caratteristiche di alto livello quali l’alimentazione ridondante, dischi hot-swappable e LED per la gestione LOM (lights-off management), peculiarità necessarie in particolari ambienti, soprattutto in quelli enterprise.

Il desiderio di molti è quello di usare Mac OS X Server su hardware di questa classe. Gli amministratori sperano di poter virtualizzare il sistema operativo su macchine non-Apple, ma la casa di Cupertino non ha mai fatto abbastanza chiarezza su quanto sia legale avviare Mac OS X Server su sistemi virtualizzati.

Un gruppo di fan di Xserve ha da qualche tempo attivato un sito e avviato una petizione sul web, nel tentativo estremo di chiedere ad Apple di non dismettere un hardware che, evidentemente, è molto apprezzato. Sul forum di discussione ufficiale di Apple si contano decine di pagine di commenti, molti dei quali prevedono conseguenze disastrose: senza il segmento enterprise e nessun piano specifico per le imprese, gli amministratori sono molto preoccupati e indotti a pensare che l’adozione del Mac nelle imprese diminuirà.

Il sondaggio dell’EDA dimostra che gli utenti Xserve possiedono nelle loro organizzazioni un numero di Mac molto superiore rispetto ad altri. Tra gli intervistati con più di 100 dipendenti, il 17% dei loro computer portatili e macchine desktop sono Mac: un numero molto elevato rispetto alla media di 4.5% di utenti Mac di altre organizzazioni di pari dimensioni.

Nonostante la decisione di Apple e le prospettive cupe per gli utenti Xserve, la maggiorparte degli intervistati (70%) ritiene però che l’eliminazione di questi sistemi non avrà alcun impatto sulla loro organizzazione e nella diffusione del Mac all’interno dell’azienda.

Le preoccupazioni di molti intervistati sui piani post-Xserve, riguardano per lo più le incertezze di Apple (bisogna anche tenere conto che il sondaggio è stato condotto nella settimana all’annuncio della dismissione degli Xserve). Apple, inoltre, non ha ancora fatto cenno alla versione server di Mac OS X 10.7 Lion e non ha ancora a tutt’oggi chiarito la sua posizione concernente la virtualizzazione lato-server su hardware di terze parti.

L’EDA ripeterà questo sondaggio tra sei mesi, quando probabilmente molte cose saranno più chiare e Apple avrà probabilmente aggiunto nuovi tasselli alla sua roadmap. Sarà interessante vedere in che modo le opinioni e le preoccupazioni degli utenti Xserve saranno cambiate.

 

[A cura di Mauro Notarianni]

Offerte Speciali

iPad Air 256 GB Wi-Fi e 64 GB cellular: scontatissimi su Amazon i modelli 2020

Su Amazon trovate in sconto iPad Air Cellular da 64 GB e iPad Air Wi-Fi da 256 GB con ribassi oltre il 14% e spedizione immediata.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,767FansMi piace
90,951FollowerSegui