Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Nuove Tecnologie » Primi passi del computer che si controlla da solo con AI

Primi passi del computer che si controlla da solo con AI

Nell’incredibile evoluzione quasi quotidiana dell’intelligenza artificiale e degli strumenti AI mancava un passo che ora è stato intrapreso: il computer in grado di muovere il mouse, fare click e digitare sulla tastiera, al nostro posto, per fare praticamente tutto o quasi da solo.

L’idea è venuta a Josh BIckett di OthersideAI osservando in funzione GPT-4 Vision, modello di OpenAI per funzioni AI basate sulla visione invece che su input di testo. In pratica come farebbe un uomo, il sistema osserva lo schermo del computer tramite screenshot e da questi decide i migliori spostamenti per il puntatore del mouse, per i click da effettuare e anche per inserimenti e digitazione da tastiera.

Il modello AI guarda e interpreta lo schermo ed effettua una serie di azioni mirate per raggiungere l’obiettivo desiderato, proprio come farebbe un uomo seduto davanti al computer, o quasi. Bickett spiega che è proprio come un altro agente o modello AI ma non basato sul testo, bensì sulla visione. Finora per questo tipo di funzioni si seguiva un approccio basato sulle API, ma lo sviluppatore spiega che non tutto ciò che un uomo fa al computer è riproducibile tramite API.

Matt Shumer, cofondatore e Ceo di OthersideAI, offre a VentureBeat un altro punto di vista «Se vuoi veramente risolvere qualcosa che sia autonomo [e] possa effettivamente aiutarci o fare di più, devi permettergli di funzionare come una persona perché il mondo è costruito per le persone». Le tecnologie AI sono un approccio migliore e per aver più probabilità di riuscire e svilupparsi il framework è stato rilasciato gratis, aperto e disponibile per chiunque voglia sperimentare

Non solo: il sistema proposto è anche plug and play, nel senso che in qualsiasi momento chiunque può inserire un modello AI migliore per farlo progredire. I creatori prevedono che modelli AI avanzati potrebbero imparare a prendere il controllo di tutte le interazioni del computer, il tutto semplicemente tramite comandi vocali e conversazionali.

Da novembre Cnet pubblica articoli scritti da Ai

Dalla AI che digita a quella che ragiona

Il modello AI che controlla il computer è solo il primo passo per la società di ricerca Imbue specializzata in AI. Per migliorarlo serve una potenza di calcolo enorme, ottenuta con una collaborazione da 150 milioni di dollari con Dell.

La ricerca Imbue punta a modelli AI in grado di ragionare e scegliere meglio, solo così sarà possibile creare sistemi in grado di gestire incertezza, adattare gli approcci, ottenere informazioni, effettuare scelte complesse, oltre a tutto quello che serve per essere davvero autonomo. Un’autonomia che supera di gran lunga quella necessaria per agenti AI destinati a compiti limitati.

Per raggiungere lo scopo Imbue non lascia nulla al caso tra agenti sperimentali e prototipi, strumenti, addestramento ottimizzato fino alla ricerca teorica: obiettivo una AI capace di ragionamento simile all’uomo ed eventualmente sviluppare una AGI, l’intelligenza artificiale generale o forte in grado di emulare il cervello umano.

La foto in apertura articolo è di kiquebg da Pixabay. Tutte le notizie che parlano di Intelligenza Artificiale sono disponibili a partire da questa pagina di macitynet.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Airtag già in vendita su Amazon

Airtag resta al minimo da mesi, 24,75€ euro l’uno

Su Amazon l'Airtag singolo va al minimo storico. Solo 24,45 € l'uno se comprate la confezione da 4.

Ultimi articoli

Pubblicità